Rolando Bianchi 'Sondaggio del Parma, c'è la Fiorentina'

rolando bianchi torino
06 marzo alle 18:07

Chissà se quella di domenica sarà l'ultima volta che Rolando Bianchi affronterà il Parma da avversario. Per saperlo dovremo aspettare altri quattro mesi, quelli che ci separano da qui alla finestra di mercato, quella vera. Di frasi fatte e pronunciate (o presunte), sibilline e un po' più dirette, se ne dicono in quantità industriale nel calcio, dove le parole spesso non coincidono quasi mai con i fatti. Bisogna fare in modo che i sostantivi pronunciati non restino sempre tali, ma diventino stati d'animo e vengano applicati. In attesa di vedere se parole come "determinazione", "attenzione" si traducano in aspetti e dati di fatto, proprio con il Torino. I tifosi amareggiati chiedono la "testa" di Leonardi perdonando Donadoni, costretto a fare, dal loro punto di vista, quel che può con quel che ha. Diversi i capi di accusa, qualche giocatore "fatto fuori" troppo in fretta, il mercato di riparazione rimane sul banco come imputato principale, misto al mancato attaccamento (visto così dalla parte dei tifosi) dei calciatori. Conclusioni forse un po' troppo affrettate ma giustificabili, in un'annata che poteva prendere una piega diversa.

BIANCHI, SI PUO' - E la frase che poi viene spontanea sul terrazzino di Collecchio, quartiere generale di un Parma che sembra aver tirato i remi in barca da un po' di partite: "Ogni anno ci illudono e poi è sempre la stessa canzone". Resta, guardando quello che è stato fatto nel girone di andata, un rammarico per aver buttato alle ortiche tante occasioni che potevano rinvigorire l'entusiasmo dei tifosi, sciupato troppo in fretta. Si spera, malgrado tutto, in una conclusione migliore di un annata che prometteva tante belle cose, tra sogni irrealizzati e prospetti ambiziosi, per cominciare con il piede giusto l'annata del centenario. Qualcosa si sta facendo anche ora a dire la verità, anche se i tifosi certe cose non le sanno. Leonardi non se ne sta con le mani in mano, sa che la piazza è pretenziosa e lavora per accontentarla. E spunta il nome di Rolando Bianchi, da qualche stagione accostato ai gialloblù. Trattativa mai ultimata, vuoi per i costi o per la resistenza del Torino. Ma la situazione tra i granata e il bomber non è delle più idilliache. Rolando non ha rinnovato, "e il sondaggio c'è stato - spiega Riccardo Bianchi a Parmatoday.it-. Sappiamo che il Parma lo segue da tempo, ma su di lui c'è anche la Fiorentina tra le italiane (oltre all'Atalanta ndr). Si tratta di una bella piazza, una società ben organizzata che piace al giocatore ma ora non è tempo per queste cose. Bianchi è un professionista serio, vuole concludere bene con il Torino". Un passo ufficiale c'è stato, ma per sapere se sarà l'ultima volta di Bianchi da avversario, bisognerà aspettare.

Commenta

Grazie per averci inviato il tuo commento. E' stato ricevuto e verrà valutato. Se sarà ritenuto pubblicabile sarà online a breve. Il sistema non accetta pubblicazioni ripetute dello stesso commento, ti chiediamo quindi di evitare di inviarlo nuovamente.
Accedi o registrati per poter commentare questo articolo.

o
Ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, identificato tramite nickname collegato alla sua registrazione e di cui si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Calcioinfinito srl manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.