Viviano:| 'Vorrei restare a lungo nella Fiorentina'

Emiliano Viviano Fiorentina
06 marzo alle 16:37

Il portiere della Fiorentina, Emiliano Viviano ha dichiarato ai microfoni di Lady Radio:

Critiche?
"Se mi dicono che ho sbagliato, a volte, mi dovrebbero anche dire perché. Se me lo dice un portiere, allora, ci posso stare, ma a volte alcune critiche sono state eccessive. E senza darmi spiegazioni. A volte prendi un gol e si dice, eh è colpa sua, magari non è così. Ad esempio le critiche, domenica, alla difesa, mi sembrano eccessive. Se uno fa il calciatore devi accettare le critiche. Ma con la Juve, ad esempio, mi hanno detto che era stata colpa mia, in realtà ci hanno preso a pallonate, e allora secondo me alcune critiche mi sono sembrate premeditate. Io la mattina quando mi sveglio e mi guardo allo specchio mi riconosco, altri non lo so. Ho commesso degli errori, sono il primo a dirlo".

Col passaggio alla difesa a 4?
"A tre il centrale di difesa è un riferimento importante anche a livello di spazio, ma aldilà dei moduli, non cambia molto. Anche il gol di sabato, eravamo un po’ lunghi, e siamo stati sorpresi".

Io e la Fiorentina?
"Io quando vado in porta l’atteggiamento è sempre lo stesso. A volte i dettagli possono spostare la prestazione da buona a cattiva. A Bologna mi tiravano 15 volte a partita, ad inizio anno non tiravano mai alla Fiorentina, poi magari tirano una volta, non è la stessa cosa. Nella prima parte di stagione ho avuto delle partite in cui potevo far meglio, ma magari ci è andata bene. Non sono totalmente soddisfatto della mia stagione. Con la Juve però ad esempio, Jovetic tirò, Buffon respinse di piede ed è stato definito un miracolo, Vucinic tirò poco dopo, io parai di piede allo stesso modo, ed è stato detto che mi hanno tirato addosso".

Condizioni fisiche mie?
"Lo dicono anche di Jovetic da tre anni".

Problemi sulle parate alla sinistra?
"Io sono brutto da vedere in porta, e lo dico io stesso. C’è chi ha più stile nel parare, chi è più bello da vedersi. A sinistra è vero, spesso ho preso più gol. Ma io mi sento bene. All’inizio ho avuto dei problemi, mi sono fatto male col Galatasaray ma sto bene. Ti hanno voluto i DV a Firenze e molti tifosi non aspettavano altro che vederti vestito di viola... Io vorrei essere sempre il migliore in campo, ma penso prima alla squadra. Va bene anche quando sbaglio. Non mi hanno fatto un favore a prendermi alla Fiorentina, io voglio essere giudicato per quello che faccio. Sono arrivato qui da portiere della Nazionale, ci sono state stagioni in cui ho fatto bene, altre meno. Io ho riavuto la mia occasione, e voglio fare il meglio".

Con Montella?
"Io non ho mai avuto problemi con lui, ci siamo parlati quando sono stato fuori, io volevo capire se c’era margine per poter restare o no. Ma è normale. Nelle vacanze di Natale..Non dipendeva da me. Io mi sono messo a disposizione dell’allenatore e della società e mi hanno dimostrato con i fatti che volevano tenermi".

Riscatto a 7,5 milioni?
"Sarà un’esigenza di bilancio, avendomi pagato quella cifra, non potevano fare altro. Poi la cifra può essere rivista. Il Bologna pagò 3,5 milioni per la metà col Brescia, era un altro mercato. Oggi c’è più crisi. Non so se mi vorranno riscattare, non penso ancora ne abbiano parlato. Dobbiamo vedere prima come finisce la stagione. Fare le valigie a fine anno mi dispiacerebbe. Per quello che ho fatto per venire qui, vorrei stare il più a lungo possibile. Ma fa parte del calcio. Vedremo".

Obiettivo Fiorentina?
"Vediamo, ad aprile dove saremo. Solo allora si dovrà iniziare a fare questi discorsi. Dopo il Bologna ci sono state delle critiche, ad esempio sul gioco. Con il Chievo abbiamo vinto con altre qualità. Prima ci dicevano che si giocava bene, ma non si vinceva. Ora che abbiamo vinto senza essere belli, critiche lo stesso. Il Chievo è stata davvero difficile. Alcune partite le abbiamo perse male, giocando bene, dove abbiamo avuto sfortuna. Come a Catania".

Jovetic?
"Lo vedo sereno, anche lì si creano troppe polemiche. Lui s'allena e ha voglia di migliorarsi. A volte si arrabbia perchè sa di avere dei colpi per fare la differenza. Ma poi non sempre la giornata è buona . Penso voglia restare qua. Saranno importanti i risultati anche".

Ljajic?
"Io in allenamento lo vedo sempre con un atteggiamento giusto. E i risultati penso si vedano".

Giuseppe Rossi?
"Mi ha detto che stava bene, mi ha detto che se non vincevamo col Chievo non veniva (ride, ndr). E' uno dei 3-4 più forti con cui abbia mai giocato".

Nazionale?
"Il rapporto con Prandelli è ottimo. Lui mi ha fatto giocare in nazionale pur giocando nel Bologna. Lui ha stima nei miei confronti, vediamo. Se le prestazioni saranno buone allora... vedremo".

Gol di Totti a Roma?
"Non riesco a capire come abbia fatto a prendere quel gol. Ancora oggi non me lo spiego quell'intervento. Ero partito per bloccarla, ma poi mi sono ritrovato che mi tuffavo".


(Fiorentina.it)

Commenta

Grazie per averci inviato il tuo commento. E' stato ricevuto e verrà valutato. Se sarà ritenuto pubblicabile sarà online a breve. Il sistema non accetta pubblicazioni ripetute dello stesso commento, ti chiediamo quindi di evitare di inviarlo nuovamente.
Accedi o registrati per poter commentare questo articolo.

o
Ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, identificato tramite nickname collegato alla sua registrazione e di cui si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Calcioinfinito srl manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.