Si accende il mercato intorno a Sergej Milinkovic-Savic, le cui prestazioni non sono passate di certo inosservate. Le possibilità di un addio alla Lazio a fine stagione sono sempre più concrete, nonostante un contratto lungo, con scadenza nel 2022. A confermarlo ieri è stato Mateja Kezman, un passato da buon attaccante e un presente da agente di Sergej, che ha ammesso la possibilità di un addio a fine stagione.

SCOUT A MARASSI - Secondo quanto appreso da Calciomercato.com, domenica sera sugli spalti di Marassi per Genoa-Lazio c'erano emissari di Bayern Monaco e Manchester United per seguire da vicino l'ex Genk. Soprattutto Josè Mourinho è rimasto stregato dalla crescita di Milinkovic-Savic nell'ultima stagione, un giocatore che potrebbe esaltarsi in Premier League e nel calcio pensato dal tecnico di Setubal. Relazioni più che  positive per Sergej, che mese dopo mese sta diventando un obiettivo sempre più concreto per i Red Devils, pronti a sferrare l'offensiva nel mercato estivo. Non ci sono marigini, infatti, per una cessione a gennaio.

TRA RICHIESTA DI LOTITO E PLUSVALENZA RECORD - In Italia Milinkovic-Savic piace a a tutti: dal Milan all'Inter, dalla Juventus al Napoli. Il futuro del classe 1995 però potrebbe essere all'estero, anche per via di una valutazione che sta già lievitando fino ad arrivare a numeri impressionati:la base d'asta sarà sui 70 milioni di euro. Cifre da capogiro, da Manchester United per intenderci. Mourinho ed Ancelotti alla finestra, con Claudio Lotito che pregusta l'ennesima super plusvalenza: pagato 10 milioni dal Genk nel 2015, Milinkovic può lasciare lasciare la Capitale per una cifra almeno sette volte superiore.