Hellas Verona-Benevento 1-0


Brignoli 5,5
: nel primo tempo è bravo in due occasioni ad uscire alto anticipando l'avversario con i piedi, nella ripresa invece rischia parecchio su Pazzini. Incolpevole sul gol di Romulo.

Venuti 5,5: parte come terzino e finisce come centrale. Lotta e fa a sportellate con Pazzini, senza concedere grandi chances al centravanti scaligero.

Antei 4: gioca una buona prima parte di match, ma con l'intervento scomposto su Valoti lascia prematuramente i suoi in 10. Irresponsabile.

Djimsiti 6: con l'espulsione di Antei alza la barricata tenendo bene su Pazzini e Kean. Non molla fino alla fine.

Letizia 6,5: soffre nei primi minuti le incursioni di Cerci, ma replica alla grande proponendosi sempre in aiuto a Perugini. Il Benevento prende gol dalla sua parte, ma lui è uno dei pochi a crederci fino al termine.

Chibsah 5,5: lotta e corre per 85'. A volte pecca in qualità, ma la sua è comunque una prestazione dignitosa.

(dall'85 Armenteros sv: entra per l'arrembaggio finale, ma non ha occasioni per incidere).

Cataldi 5: regista basso, si accende solo a sprazzi. Ha buona qualità, ma soffre le incursioni di Bessa e Romulo, specialmente nella ripresa.

Memushaj 5: leader del centrocampo giallorosso, oggi incide troppo poco e perde il duello con Bessa.

Lombardi 5,5: fatica tanto in fase offensiva dove trova poco spazio, ma risulta prezioso in copertura.

(dal 76' Ciciretti 6,5: gioca una ventina di minuti, ma fa subito capire che questa squadra non può fare a meno di lui. Ce la mette tutta per trovare il pareggio, invano).

Iemmello 5: viene annullato per gran parte del match da Caracciolo. Nel finale avrebbe pure una grande chances ma calcia a lato. Giornata no.

Perugini 6,5: nella prima frazione è il più attivo dei suoi davanti, ma pecca di imprecisione nei traversoni. Rimane negli spogliatoi per lasciare il posto ad un difensore.

(dal 46' Gyamfi 5,5: entra nella ripresa al posto di Antei come terzino destro. Contiene bene Cerci ma fatica tanto su Verde).

All. Baroni 5,5: il Benevento perde ancora, anche se oggi la colpa principale è di Antei che lascia i suoi in 10 per 55'. Il momento è complicatissimo, ma almeno i suoi ragazzi hanno la forza di provarci fino alla fine.