Alla vigilia del match di Europa League con la Stella Rossa, parla Domenico Berardi, stella del Sassuolo. Intervistato da Sky, il classe 1994 calabrese spiega: "Sono nato a Cariati ma ho vissuto per 12 anni in provincia di Cosenza. A quindici anni sono venuto su perché c'era mio fratello che studiava all'Università. Dopo un provino con la Spal, a Ferrara, ho deciso di ritornare giù e di giocare in Calabria. Poi sono tornato al Nord. C'era ai tempi un osservatore della Juventus che in tutti i modi ha cercato di portarmi a Torino ma io ero troppo piccolino e ho deciso di restare in Calabria. Da piccolo tifavo Inter. Non penso ai soldi, penso a divertirmi con i miei amici e con la mia ragazza. Spesso mi guardo allo specchio e dico che sto vivendo un sogno".

IL FUTURO - Berardi, che ha scelto di restare un altro anno al Sassuolo, facendo slittare di un anno l'intesa fra Juve e il club neroverde, nelle prime battute di questo mercato è stato cercato con forza anche dall'Inter. Per il futuro, c'è da attendersi un nuovo duello fra bianconeri e nerazzurri. La Juve conta sempre sulla parola di Squinzi, ma se vorrà davvero portare Berardi a Torino dovrà probabilmente alzare il prezzo rispetto ai 25 milioni messi in preventivo.