Al Dall'Ara vince il Lecce 2-0 e lo fa con pieno merito. Il Bologna di Bisoli dura solo una ventina di minuti, nei quali va vicino al gol con Acquafresca, che liberato da un errore di Tomovic si fa parare la conclusione da Julio Sergio, e con Pulzetti, che da due passi esalta i riflessi dell'ex portiere della Roma. Poi è solo Lecce, che sfrutta gli errori dell'orrenda difesa del Bologna e va a segno con Giacomazzi, al termine di un'azione in cui i salentini toccano quattro volte la palla in area rossoblù indisturbati. Gillet salva il possibile bis di Mesbah, poi nella ripresa il Bologna non offre alcuna reazione e al termine di un contropiede diretto da Cuadrado la squadra di Di Francesco, che stravince la partita a scacchi con Bisoli, fa bis con Grossmuller, con la difesa rossoblù ancora a farfalle. Per i salentini tre punti che valgono doppio, fischi meritati per il Bologna.

BOLOGNA

Abbacchiato nel dopogara l'attaccante Marco Di Vaio: 'Eravamo partiti bene, ma nelle occasioni che abbiamo avuto non siamo riusciti a fare gol mentre il Lecce ha segnato alla prima occasione e noi abbiamo faticato a reagire. Avremmo bisogno di un episodio positivo ma non arriva, e nella difficoltà andiamo in confusione. Purtroppo in partita non ripetiamo quello che facciamo in allenamento: in questo frangente dobbiamo accettare le critiche che arrivano, compattarci e cercare di non sfaldarci'.

LECCE

Soddisfatto l'ex rossoblù Andrea Esposito, che ha vinto in quello che l'anno scorso era il suo stadio: 'Nessuna rivincita, ho comunque un buon ricordo dell'anno di Bologna. Abbiamo fatto una partita molto diversa da quella contro l'Udinese, a partire dalla difesa: siamo stati attenti, concentrati e in avanti abbiamo mosso bene la palla, mettendo sul campo la giusta mentalità. Sono tre punti molto pesanti: questa vittoria ci dà grande morale e spinta per affrontare mercoledì l'Atalanta, che è in un buon momento di forma'.