Al coro pressochè unanime che in questi giorni sta, giustamente, ricoprendo di elogi Ivan Juric ed il suo Genoa, si aggiunge la voce di un suo collega, Roberto Breda, attuale allenatore della Virtus Entella ed ex centrocampista rossoblu: “Juric si è meritato questa chance sul campo – afferma oggi dalle colonne de La Repubblica il mister chiavarese – A Crotone ha fatto un lavoro eccezionale, portando alla promozione una squadra che l'anno prima si era salvata soltanto nel finale”.

Breda, che di recente ha incrociato Juric sul campo in occasione dell'amichevole d'inizio mese a Chiavari, mercoledì sera ha seguito dal vivo a Marassi la sfida tra Genoa e Napoli: “Tatticamente – analizza il tecnico - le due squadre hanno interpretato la partita in maniera completamente diversa. Il Napoli ha cercato sempre e comunque la manovra, il Genoa invece ha puntato sui duelli uno contro uno. I rossoblu pressavano alto, con marcature a uomo in ogni zona del campo. Mi ha ricordato il Genoa di Gasperini. Ed era anche quello un bel vedere”

Breda conosce molto bene Juric avendolo affrontato anche lo scorso anno in Serie B alla guida della Ternana: “Perdemmo sia all'andata che al ritorno - ricorda l'ex mediano - ma furono partite molto equilibrate e che in nessuno dei due casi riuscimmo a finire in undici. Il Crotone aveva una capacità straordinaria a sviluppare gioco, iniziando l'azione sempre da dietro coi difensori e creando spesso superiorità sulle fasce, cosa che il Genoa ancora non ha. Occorrerà tempo per arrivare a quella armonia di gioco. Juric per fare il Genoa come il Crotone, ovviamente con interpreti di qualità migliore, ha bisogno di più tempo”.