Se non siamo al ridicolo, ci avviciniamo parecchio. In tutti gli ambiti le regole vengono scritte affinchè siano seguite e diventa paradossale se gli stessi che le scrivono non fanno niente per rispettarle. Applicato al mondo del calcio, il ragionamento descrive in maniera nitida la vicenda relativa al Fair Play Finanziario e al ruolo giocato da Uefa e Paris Saint Germain; se l'acquisto di Neymar per 222 milioni di euro aveva suscitato scandalo e fatto inorridire le big europee, l'arrivo dal Monaco di Kylian Mbappé per 180 milioni segna definitivamente il punto di non ritorno. Per i rapporti fortemente compromessi tra la società presieduta da Nasser Al-Khelaifi e gli altri top club e la credibilità, che ormai rasenta lo zero, della massima organizzazione calcistica continentale.

REGOLE INFRANTE - Tre anni fa, il PSG fu multato per 60 milioni di euro e subì la limitazione della rosa da 25 a 21 giocatori nelle competizioni Uefa, nell'ambito del voluntary agreement con cui il passivo di bilancio non avrebbe dovuto superare i 30 milioni nel successivo triennio. I 3 anni sono trascorsi e la formazione francese ci è ricascata in grande stile con oltre 400 milioni di euro investiti solamente per due attaccanti e con l'ultimo "capolavoro" rappresentato dalle modalità di pagamento di Mbappé. Proprio per aggirare i paletti del Fair Play Finanziario, il Paris Saint Germain ingaggerà l'attaccante in prestito con diritto di riscatto non obbligatorio. Una mossa che permetterà di mettere a bilancio questa operazione soltanto nella stagione 2018/2019, senza pesare su quella in corso.

LA UEFA CHE FA? - Una "furbata" che, secondo l'Equipe, potrebbe non essere sufficiente a farla franca e che esporrebbe il PSG al rischio di incorrere in nuove sanzioni, stavolta decisamente più pesanti. Del resto, nei giorni scorsi l'italiano Andrea Traverso, uno dei responsabili del FFP e il presidente della Uefa Ceferin hanno voluto ribadire che d'ora in avanti prevarrà la linea dell'intransigenza, che potrebbe portare anche all'esclusione dalla Champions League dei club inadempienti. Difficile da credere che un provvedimento così penalizzante possa colpire una squadra gestita di fatto da uno stato (il Qatar) e che ha mosso una quantità incredibile di soldi nel corso di questa estate. Se non siamo al ridicolo, poco ci manca.


 
GIOCA A FANTACALCIOMERCATO, il gioco più appassionante e divertente del web. Si può giocare solo su CALCIOMERCATO.COM e la partecipazione è GRATUITA. 
Basta essere registrati a Calciomercato.com e cliccare su fanta.calciomercato.com