Succede di tutto nel 2-3 maturato fra Cesena e Torino. Nei primi minuti il match è equilibrato e piacevole ma l'impressione è che il Torino, grazie ai fraseggi fra Martinez e Quagliarella, possa sbloccare le marcature in ogni momento. E così è. Al 20' Benasssi approfitta della dormita della retroguardia bianconera e insacca da posizione ravvicinata. Due minuti arriva il raddoppio: Quagliarella è il più veloce a fiondarsi sulla respinta di Leali, favorito dalle indecisioni dei difensori avversari. Il Cesena accusa il colpo ma allo scadere del primo tempo Defrel guadagna un penalty che Brienza poi trasformerà. Nel frangente solo ammonizione per Padelli. Nella ripresa il Cesena parte bene, complice la difficoltà di manovra del Toro che persisterà per tutto il match. Il pareggio bianconero arriva all'85' sempre tramite rigore trasformato da Brienza. In questo caso è Jansson che devia il pallone di mano e regala al Cesena la possibilità di riequilibrare il punteggio. I granata ritrovano il vantaggio con Maxi Lopez pochi minuti dopo, all'87'. Tre punti quindi ai granata, che ottengono il massimo nonostante una prova non brillante. Cesena sempre più ultimo in classifica e crisi che continua. 

CESENA

Il direttore dell'area tecnica del Cesena, Rino Foschi: "Ad inizio campionato sapevamo bene le nostre possibilità, anche negli Stati Uniti ci davano come primi retrocessi. Sono stato a colloquio con la squadra e sono stato molto chiaro con loro. A mio avviso oggi meritavamo non solo il pareggio ma anche la vittoria. Allo stesso tempo però ho chiesto loro come uscire da questa situazione, gli attori principali sono loro e non io. Mi fa molto male vedere i giocatori uscire dal campo accompagnati da cori offensivi, sono uomini con dei limiti ma che ci mettono sempre impegno. Anche in città c'è un clima che non mi piace, attacchi sui giornali che non digerisco".

L'allenatore del Cesena, Domenico Di Carlo: "Avevo chiesto alla squadra di giocare con il cuore, e i miei ragazzi hanno dimostrato di essere vivi. Continuiamo a pagare gli episodi in maniera esagerata, è un aspetto che ormai è diventato davvero problematico. La squadra ha svolto ciò che avevo chiesto e che avevamo preparato in settimana, il secondo tempo che abbiamo disputato lo dimostra. Sul 2-2 ho sentito uno stadio caldissimo e mi dispiace che la partita sia finita in questo modo. Questa piazza non lo merita. Io continuerò a lavorare avendo come obiettivo quello della salvezza".

TORINO

Il difensore del Torino, Salvatore Masiello: "Sono molto contento della fiducia che Ventura mi ha mostrato, inserendomi nel secondo tempo. Io in questi giorni mi sono allenato sapendo che dovevo farmi trovare pronto nel momento del bisogno. Abbiamo portato a casa una partita insidiosa, il Cesena è rientrato in gara anche per errori nostri. La loro tattica era buttare avanti il pallone e cercare la mischia e noi siamo andati in difficoltà. Complimenti a Maxi Lopez per il gol dei tre punti, sono contento per lui".