Termina a reti inviolate la sfida ad alta quota del "Piola" tra Novara e Cesena. In virtù di questo pareggio la squadra di Baroni resta sola al terzo posto, mentre i bianconeri proseguono la loro corsa ai playoff guadagnando un buon punto su un campo ostico. La gara inizia su toni blandi. Il Cesena parte meglio e la prima occasione è proprio per i bianconeri che al 18', sugli sviluppi di un calcio d'angolo, vanno vicini alla rete con Perico, che però trova Da Costa sulla propria strada. Al 21' sono ancora gli ospiti a rendersi pericolosi con una bella incursione di Ragusa; al numero 11 cesenate si oppone nuovamente Da Costa. Al 26' è il Novara farsi vedere in avanti: buona sgroppata di Faraoni che mette al centro per Faragò il cui colpo di testa finisce fuori di poco. Al 33' è nuovamente Da Costa a salvare i suoi con uno splendido intervento su cross pericolosissimo da parte di Renzetti. Al 36' torna a farsi vivo Faragò dalle parti di Gomis ma il suo destro finisce a lato. Il Novara inizia a spingere sull'acceleratore e negli ultimi minuti della prima frazione ha ancora due occasioni per portarsi in vantaggio. Al 41' Troest colpisce il pallone di testa ma il pallone finisce sul fondo. L'occasione più nitida però arriva a pochi secondi dal termine: al 44' Gonzalez, servito in area da Faragò, colpisce a botta sicura ma Gomis si respinge a terra e salva i suoi. Nella ripresa si vede fin da subito un Novara più propositivo e combattivo. La squadra di Baroni ha voglia di vincere e lo dimostra. Il Cesena invece si chiude troppo e fatica a ripartire. Al 60' è Buzzegoli a provarci da lontano ma il suo tiro è centrale e facile da parare per l'estremo difensore ospite. Al 63' è sempre Buzzegoli a provarci con un gran destro da fuori ma per sua sfortuna il pallone si stampa sulla traversa ed esce. Dopo la classica girandola di sostituzioni si vede in avanti anche il Cesena di Drago. Al 76' Kessie si invola sulla fascia e mette la palla dietro per l'accorrente Garritano che tutto solo sbaglia un rigore in movimento mandando il pallone a lato. Nei cinque minuti di recupero decretati dall'arbitro i padroni di casa spingono fortissimo ma il Cesena si chiude bene. C'è tempo per un'ultima grande occasione. Al 95' Faraoni mette al centro l'ennesimo traversone della sua partita pescando Evacuo che colpisce benissimo di testa ma il pallone finisce incredibilmente fuori. Si ferma a sei la striscia di vittorie consecutive del Novara, che ai punti avrebbe sicuramente meritato qualcosa di più. Buonissimo pareggio invece per il Cesena di Drago, che ha dimostrato carattere nel primo tempo e grande solidità difensiva nella ripresa.
 
NOVARA
 
L'allenatore del Novara, Marco Baroni: "Sono molto soddisfatto per la prova di oggi. Posso solo fare i complimenti ai ragazzi. Sono un po' deluso per loro perché hanno fatto l’impossibile per vincere. Non era facile, soprattutto nel secondo tempo, perché loro si sono chiusi ed hanno lasciato pochissimi spazi. L'unica cosa che è mancata è stata il gol; se l'avessimo trovato avremmo anche potuto dilagare. Creando comunque queste condizioni di gioco si vinceranno tante partite. L'unica nota dolente, oltre a non aver segnato, è l'infortunio di Faragò".
 
CESENA
 
L'allenatore del Cesena, Massimo Drago: "Oggi abbiamo indubbiamente incontrato la squadra più in forma del campionato. Se non avessi fatto la partita perfetta o quasi, difficilmente saremmo riusciti a fare punti. Sono contentissimo del primo tempo perché li abbiamo messi anche in difficoltà. Nella ripresa poi ci siamo abbassati troppo e facevamo fatica a ripartire anche perché le nostra punte erano molto stanche. Le occasioni per pungere però ci sono state".