Una brutta partita, che si è accesa soltanto negli ultimi minuti, tra Torino e Roma: Pjanic illude i giallorossi (ma Padelli la combina grossa sulla punizione del bosniaco), Maxi Lopez riacciuffa il pari all'ultimo minuto di recupero. Il Toro parte forte e nei primissimi minuti va vicino al vantaggio con Belotti e Bruno Peres, ma Szczesny e la difesa giallorossa riescono a mantenere inviolata la propria porta. La Roma si fa vedere in avanti soltanto con Dzeko, il cui colpo di testa è deviato in angolo da Glik. Match nervoso, con tanti cartellini estratti dall'arbitro Damato. Nella ripresa la formazione di Garcia prova a premere sull'acceleratore, e all'83' trova il vantaggio: Pjanic scodella in mezzo, Padelli va a vuoto e il pallone finisce dentro. I granata, quindi, si riversano all'attacco, e trovano il pareggio all'ultima azione: Manolas e Belotti vengono a contatto in area, Damato opta per il penalty e Maxi Lopez realizza il rigore. Finisce 1-1, un punto che fa sorridere più Ventura che Garcia.

TORINO
 

Il centrocampista del Torino, Giuseppe Vives: "Siamo stati bravi a crederci fino alla fine e a non disunirci dopo il loro vantaggio, che tra l'altro è stato un gol tutto sommato fortunoso. Abbiamo disputato un gran primo tempo, creando diverse opportunità da rete: peccato non essere riusciti a concretizzarle, poteva cambiare l'inerzia del match. Padelli? Non ho ancora rivisto il gol, ma se ha sbagliato lui lo sa e lavorerà in settimana per non commettere più errori".

ROMA
 
Il centrocampista della Roma, Radja Nainggolan: "C'è tanto rammarico questo pareggio perché siamo andati in vantaggio, però se l'arbitro non fischia il rigore probabilmente non saremmo qui a parlare dei problemi della Roma. Sappiamo molto bene che le prossime due partite, contro Bate Borisov e Napoli, sono importantissime per noi. Bruno Peres? Nel primo tempo siamo riusciti a contenerlo molto bene, poi nella ripresa, con gli spazi più ampi, sono venute fuori le sue qualità".