Durante la conferenza stampa di presentazione come nuovo ct della Nazionale italiana, Antonio Conte ha dribblato la domanda su quanti scudetti abbia vinto la sua ex squadra, la Juventus: 32, come sostiene la società bianconera, o 30, come conteggiato ufficialmente dalla Figc. 

"Per quello che riguarda il discorso degli scudetti, per me gli scudetti più importanti, che mi hanno dato più gioia e che ricordo più volentieri, sono quelli che ho vinto io, che sono otto, cinque da calciatore e tre da tecnico", si è limitato a dire Conte, di fatto non rispondendo alla domanda. 

Sul numero di scudetti, però, indirettamente e implicitamente, dobbiamo registrare una gaffe commessa dalla Figc, proprio all'interno del comunicato che annunciava ufficialmente l'ingaggio di Conte, là dove, quando si parla del curriculum del tecnico salentino, si legge: "Passato sulla panchina della Juventus nell'estate del 2011, si aggiudica il titolo di campione d'Italia per tre stagioni consecutive, impresa che in precedenza era riuscita solo a Carlo Carcano e Fabio Capello".

Peccato che fra gli allenatori capaci di vincere almeno tre scudetti di fila, oltre ai suddetti Carcano (quattro titoli conscutivi con la Juve nel 1931-1932-1933-1934) e Capello (tre titoli con il Milan nel 1992-1993-1994), ci sia, ufficialmente, anche Roberto Mancini, sulla panchina dell'Inter tricolore nel 2006 (lo scudetto assegnato a tavolino ai nerazzurri), 2007 e 2008.

Quindi, la domanda alla quale Conte ha risposto in modo evasivo, ora va girata alla Federcalcio di Tavecchio: quanti scudetti ha vinto la Juventus? E quanti, di conseguenza, l'Inter?