Umiliazione pubblica per la figuraccia fatta in Sudafrica. Dopo il convincente esordio al Mondiale col Brasile, la Corea del Nord ha incassato due sonore sconfitte con Portogallo (7-0) e Costa d'Avorio (3-0). Una volta tornata in patria, la nazionale ha trovato una brutta sorpresa.

Oltre al rimprovero ufficiale del governo, lo scorso 2 luglio i giocatori sono stati costretti a stare in piedi su un palco allestito al Palazzo della Cultura popolare. Roba da Fantozzi, crocifisso in sala mensa. Nel frattempo il telecronista della tv pubblica Kctv ha elencato gli errori commessi da ogni singolo. Il motivo? "L'incapacità mostrata nel seguire le indicazioni fornite dal caro leader Kim Jong-il".

La punizione non ha colpito i due giocatori nati e residenti in Giappone: An Yong-hak e Jong Tae-se, che era scoppiato in lacrime alle note dell'inno e da quest'anno giocherà in Germania nel Bochum. Come se non bastasse, il ct Kim Jong-hun sarebbe stato mandato a lavorare da muratore in un cantiere edile. Altro che gli insulti a Lippi...