Pantaleo Corvino è tornato a Firenze per risollevare le sorti di una squadra che da anni cerca la sua strada senza però trovarla. Ma il dg della Fiorentina però si è imbattuto in una situazione così delicata da dover pensare quasi esclusivamente al mercato in uscita. In questo senso vanno fatti i complimenti al direttore generale della Fiorentina bravo nel risanare completamente un bilancio stranamente sempre in rosso. Ma il mercato in entrata è stato un flop totale.

SCOMMESSE PERSEDiks, Toledo, Dragowski, Milic, Olivera, Sanchez, Tello bis, Salcedo, De Maio, Cristoforo. Questi sono gli acquisti della Fiorentina nell’ultima sessione estiva di Corvino e non ce ne è uno che abbia completamente e indiscutibilmente convinto e che si sia guadagnato sul campo la riconferma per la prossima stagione. L’unico, forse, è Sanchez che comunque ha dimostrato la sua duttilità in campo e ha messo la sua esperienza al servizio della Fiorentina, ma anche nel suo caso non sono mancati i passi falsi.

FUTURO INCERTO – Ora la Fiorentina si proietta alla prossima stagione con la prima, cruciale, scelta da fare, ovvero il nuovo allenatore. Poi a cascata tutte le altre decisioni per quanto riguarda il mercato in entrata e quello in uscita con tanti neo arrivati che faranno nuovamente le valige e saluteranno la Fiorentina e con loro anche qualche big. A Firenze però la domanda non è chi sarà venduto ma come saranno reinvestiti i soldi delle cessioni eccellenti. La risposta la dovranno dare i Della Valle e Corvino.