Roma-Crotone 4-0 

Cordaz 5: non proprio una sicurezza per la difesa del Crotone. L'estremo difensore regala vita facile agli attaccanti avversari. 

Claiton 5: la scivolata nel primo tempo risparmia un gol praticamente fatto al suo portiere, ma per il resto apre le porte alle discese dei giallorossi sulla sua fascia di competenza.  

Sampirisi 5: contro l'attacco della Roma in grande spolvero ha vita dura. Nicola capisce che dopo un'ora il suo difensore non ce la fa più e gli dà tregua lasciando spazio a Martella. 

(dal 61' Martella 5,5: al suo ingresso in campo la situazione è già ampiamente compromessa, ma anche lui non è impeccabile. Lascia spazio ai giallorossi e permette loro di ragionare).

Ferrari 5: in confusione fin dall'inizio, fa quello che può, ma non è abbastanza. 

Cecchini 5,5: cerca di limitare le discese sulla fascia di Salah & Company, a volte si lancia in proiezioni offensive. Argina quello che può.

Rohden 5: riuscire ad arginare le incursioni sulla sua fascia di competenza e fornire spunti offensivi è compito arduo. Nicola alla ripresa, sotto di due gol, gli preferisce Nalini. 

(dal 46' Nalini 5,5: prova a dare vivacità ai suoi, ma quando il Crotone prova ad alzare la testa la Roma trova spazio e punisce l'iniziativa rossoblù).

Capezzi 5,5: il centrocampo è in mano ai giallorossi, la sua prestazione non ha acuti e Totti e compagni passano senza grosse difficoltà. 

Crisetig 5,5: la partita non è delle più semplici, il numero 8 prova a far ragionare i suoi ma il compito assegnatogli è particolarmente complicato. 

Salzano 5,5: ha anche una buona occasione per il gol della bandiera. Prova a far alzare la squadra, fornendo spunti interessanti, ma di palloni da quelle parti ne arrivano pochi. 

Palladino 5: la grande occasione dei rossoblù nel primo tempo passa dai suoi piedi, ma svanisce di un soffio, così come il rigore parato da Szczesny. In una partita come questa, è vietato sprecare.

(dal 65' Stoian 5,5: al suo ingresso la partita ha perso di significato, prova a farsi vedere ma ci sono poche possibilità).

Falcinelli 5,5: probabilmente il migliore dei suoi in una partita da dimenticare. E' il punto di riferimento là davanti e si conquista un rigore. 


All  Nicola 5: chiudersi per provare a limitare i danni non ha dato i risultati sperati. La missione era impossibile, ma il mister ha fatto quello che poteva.