Capitolo chiuso, Stefan de Vrij ora può tornare a sorridere e concentrarsi sul campo da gioco e sul finale di stagione con la Lazio. La querelle sul caso doping scoppiata lo scorso 12 marzo si è chiusa oggi con l'archiviazione da parte della Procura Nazionale Anti-Doping. Una decisione attesa dallo staff del giocatore che allontanata ogni sorta di ombra ora può anche guardare al proprio futuro e alla firma dei contratti con l'Inter.

ARCHIVIATE LE OMBRE - Oggi la Procura Nazionale Anti-Dopoing ha ufficialmente chiesto l'archiviazione della posizione del centrale olandese. De Vrij al termine della gara contro il Verona del 20 febbraio aveva dovuto fornire due campioni di urine e non aveva provveduto a firmare alcuni documenti. Una posizione spiegata dagli avvocati della Lazio e che ha convinto la procura che non ha preso provvedimenti nei confronti del difensore.

SORRIDE L'INTER - Sorride la Lazio che potrà schierarlo senza problemi fino a fine stagione, ma sorridere anche l'Inter che su de Vrij ha scelto di investire in vista della prossima stagione e che ora, eliminate le ombre sul suo futuro, può finalizzare la trattativa per il suo acquisto a parametro zero. De Vrij non ha rinnovato con la Lazio ed è in scadenza a fine stagione. L'Inter ha trovato l'accordo su tutto sia con lui, che guadagnerà 3,5 milioni di euro più bonus per i prossimi 5 anni, sia con la sua agenzia di procura, la SEG, che riceverà una lauta commissione per la trattativa. Il caso doping aveva frenato firme e annunci, ma nel corso delle prossime settimane potrebbe arrivare l'ufficialità.