Come un deja vu: a marzo dell'anno scorso sempre nei supplementari Vucinic aveva realizzato il gol che valeva la finale. Ancora una volta l'attacco della Juve ha mostrato i propri limiti, nonostante la prodezza di Giovinco su punizione.