A volte ritornano. Paulo Dybala, le panchine infinite in questa Juventus e le voci sul Paris Saint-Germain: tutto normale, in momenti del genere i rumors arrivano di conseguenza. Dall'entourage dell'argentino nessuna conferma, solo naturali smentite, il PSG non si è mosso né ci sono stati incontri francesi nelle scorse settimane. E anche la Juventus è più tranquilla che mai: quella che sta vivendo Paulo è una fase delicata ma comprensibile, il vero Dybala tornerà. Eppure, il Paris c'è già stato sulla strada di Dybala solo in un passato ormai remoto.

IL RETROSCENA - Era il gennaio del 2015, quando la Juve con Marotta e Paratici ha prenotato l'argentino dal Palermo in vista dell'estate successiva. Mossa fondamentale perché proprio il PSG aveva contattato Dybala: già in ottimi rapporti con Zamparini per l'operazione Pastore in passato, la Joya è stata tentata dal progetto di Al Khelaifi che lo avrebbe preso volentieri anche perché sarebbe diventato il regalo ideale per Diego Simeone. Sì, il Cholo avrebbe dovuto essere il sostituto di Blanc sulla panchina dei parigini, tutto fatto... e poi sfumato. Simeone stravede per Dybala da anni, saltato quel discorso si è bloccato tutto. Rapida, rapidissima la Juventus a chiudere. E ora con nessuna intenzione di liberarsi di Paulo proprio per il PSG che torna di moda a livello di voci. Ad oggi, non nella sostanza. Aspettando il vero Dybala...