Tempo di Coppa Italia. Tempo, anche, di 3 partite in 7 giorni. Ecco perchè questa sera andrà in scena la Sampdoria 2.0. La nuova versione, insomma, quella rimaneggiata che Giampaolo sta preparando e che ha annunciato anche ieri in conferenza stampa. "Un'occasione per chi ha giocato meno", l'ha definita il tecnico. E infatti contro i rossoblù in campo ci sarà chi il terreno di gioco del Ferraris quest'anno non lo ha nemmeno assaggiato. Come Eramo, ad esempio, o Dodò.

SCELTE - Si fa prima ad enunciare i possibili titolari che partiranno ugualmente dal primo minuto, piuttosto che ad analizzare tutte le novità di formazione: Regini e, forse, Linetty. Stop. Oltretutto, la presenza del polacco potrebbe essere un indizio per Dennis Praet, che potrebbe giocare dall'inizio con il Torino. Per il resto, la formazione è tutta stravolta. In porta andrà Puggioni, ovviamente, anche perchè Viviano non è ancora pronto (rientrerà forse per la partita con la Lazio). Dicevamo della presenza di capitan Regini, che per necessità dovrebbe andare al centro della difesa, nella sua posizione più congeniale. Di fianco a lui riposo per Silvestre, sostituito da Palombo.

CORSIE - Grosse novità anche sulle fasce, dove si rivedranno due giocatori che sino ad oggi il pubblico del Ferraris non ha mai visto giocare, ossia Mirko Eramo, adattato nel ruolo di terzino destro già dal ritiro, e Dodò. Il brasiliano ha già esordito con la Samp in questa stagione, ma era a Roma. Al Ferraris non è mai sceso in campo, e avrà l'opportunità di dimostrare a Giampaolo di essere un giocatore 'ricostruito'.

Centrocampo quasi del tutto inedito: in cabina di regia Cigarini, poco impiegato sino ad oggi, al suo fianco ballottaggio Linetty-Praet, mentre sembra sicuro di una maglia l'altro oggetto sconosciuto di casa Samp, Filip Djuricic. Sulla trequarti ancora Ricky Alvarez, che è già partito titolare con il Cagliari, mentre in avanti pronta la stessa coppia vista contro la Juventus. Quagliarella e Muriel riposeranno, giocheranno Budimir e Schick.