Domani toccherà a Marko Pjaca tornare in campo dopo il grave infortunio con la Primavera della Juve. Stessa ripartenza ha visto oggi protagonista Emerson Palmieri con la Roma di Alberto De Rossi, un'ora abbondante a buon ritmo contro l'Inter. Un primo importantissimo passo verso il pieno recupero dopo quell'infortunio ai legamenti crociati subito proprio nell'ultimo turno dello scorso campionato: quanto di peggio potesse capitare, stravolgendo radicalmente un futuro come quello che sembrava imminente per il terzino. Niente prima convocazione in Nazionale agli ordini dell'ormai ex ct Giampiero Ventura per lui. E niente Juve. Perché dopo i primi due anni di apprendistato tra Palermo e Roma, la scorsa stagione aveva mostrato un giocatore completamente diverso e già pronto per i massimi livelli. Come quelli pretesi sul mercato dalla società bianconera, in un momento che sembrava vedere in programma un innesto di spessore e prospettiva anche sull'out di sinistra: relazione dopo relazione, il rapporto qualità-prezzo aveva portato Marotta e Paratici a scegliere proprio Emerson Palmieri come primo obiettivo tra i giocatori che prima o dopo avrebbero dovuto raccogliere l'eredità di Alex Sandro.

 

TUTTO FATTO – Ed anche con la Roma, la trattativa sembrava procedere spedita in una fase che ormai da tradizione vede il club giallorosso bisognoso di incassare per impostare la stagione successiva. Tra un Paredes ed uno Strootman, ecco che l'affare più vicino alla conclusione era proprio questo, con la Juve pronta a convincere Monchi e Pallotta con un'offerta compresa tra i 20 e i 25 milioni di euro. L'infortunio ha poi inevitabilmente bloccato tutta la macchina. Che da oggi ricomincerà dall'inizio: il recupero di Emerson Palmieri vedrà proprio la Juve interpretare il ruolo di spettatrice particolarmente interessata, pronta a riprendere il discorso interrotto lo scorso maggio nel caso in cui il giallorosso dovesse tornare al 100%. A condizioni ovviamente diverse, tutte da riscrivere, anche considerando uno status che in questo momento vedrà in ogni caso Emerson Palmieri interpretare il ruolo di alternativa a Kolarov. Tutti fattori da discutere e valutare, quel che è certo è che la Juve non ha cancellato il suo nome dalla lista degli obiettivi per il futuro.

@NicolaBalice