Moreno Torricelli, ex difensore della Juve, ha parlato a SportMediaset: Al Camp Nou solo due giocatori in campo anche nella finale del 2015? Al di là di chi scende in campo è la mentalità che conta e quella si forma ogni giorno, negli allenamenti. Il fatto che ieri in campo ci fossero solo due giocatori che hanno giocato la finale di Berlino significa che la società ha fatto un grandissimo lavoro. Questa Juve può raggiungere i livelli di quella in cui giocavo io? Questa Juve è vincente, i cinque campionati vinti di fila, le Coppe Italia e le Supercoppe italiane sono lì a dimostrarlo. Però non mi piace fare paragoni tra grandi squadre perché sono epoche diverse con diversi giocatori. La realtà è che questa è una grande bella Juve, che sta tirando fuori il massimo da ogni elemento. Non subire gol in due partite contro il Barca rimarrà negli annali. Adesso bisogna fare l’ultimo passo, bisogna fare quel salto di qualità che tutti si aspettano. Triplete? Questa squadra ha tutte le carte in regole per poterci credere fino alla fine. Ora le altre hanno paura della Juve e credo ci siano possibilità che vinca la Champions. Contro il Barcellona ha avuto un’autorità straordinaria, non ha avuto nessun tipo di timore referenziale, ha accettato l’uno contro uno con gli attaccanti blaugrana: questi elementi hanno aumentato molto la consapevolezza della squadra. La crescita di Alex Sandro? Lui e Marcelo sono i due terzini sinistri più forti al mondo. Alex Sandro è cresciuto tantissimo in fase difensiva e con le qualità che ha può guardare tutti dall’alto. E’ un giocatore completo, è un terzino molto moderno che unisce grande corsa a una tecnica straordinaria. Chi deve evitare la Juve in semifinale? E’ difficile dirlo perché a questo punto sono tutte grandi squadre. Per l’atteggiamento la più scorbutica da incontrare è l’Atletico Madrid che è una squadra rognosa e che non ti lascia giocare. Qualitativamente magari ha qualcosa in meno delle altre ma penso sia la più ostica da affrontare"