'Da tifoso viola mi auguro che Riccardo Montolivo firmi il rinnovo di contratto, anche se la situazione mi sembra molto difficile, pur non sapendo a chi addossare le maggiori responsabilità di questo, se alla società viola o al suo entourage. Per come è attualmente la situazione, vedo difficile anche l'idea, buona, di rinnovare con una clausola rescissoria'. Serata da maestro di calcio, anzi precisamente da preparatore di giovani portieri, quella che oggi vedrà impegnato l'ex portiere anche di Palermo e Fiorentina, Gianluca Berti, all'interno della manifestazione Calcio Expo in programma da ieri alla Fortezza da Basso di Firenze.

'In difesa nella Fiorentina sono arrivate le cosiddette seconde linee di qualità, ovvero rincalzi quotati: sono stati presi giovani importanti, ma la serie A è un'altra cosa rispetto al settore giovanile, e faccio riferimento a Nastasic e Camporese - ha aggiunto Berti -. L'anno scorso Boruc ha dimostrato di saperci fare: il polacco prima o poi partirà, Neto verrà presto lanciato, occorre però partire dalle certezze. Portieri italiani giovani e bravi ne vedo pochi, e quei pochi ce li lasciamo scappare. Io Sirigu non lo avrei mai lasciato andar via, invece di prendere stranieri che sono arrivati in serie A. Santiago Silva? Il fiorentino è molto attaccato alla città e a questa squadra, basta poco per far infiammare la piazza. A vederlo su Youtube sembra un fenomeno, mi auguro che confermi certe indicazioni sul campo. Le provocazioni di Mihajlovic? Sicuramente ama farlo per stimolare i giocatori, ma il gioco è bello quando dura poco, perché poi certe cose stancano, e le responsabilità ricadono sui giocatori. L'anno prossimo non può sbagliare, ma come il tecnico tanti altri non si possono più permettere errori in Fiorentina'.