In casa Fiorentina si è tirato un sospiro di sollievo lunedì scorso, quando gli esami strumentali cui è stato sottoposto il regista cileno David Pizarro hanno escluso fratture alla caviglia destra, toccata durissimo, nel corso della sfida dell'ultimo turno di campionato, dall'attaccante del Pescara Jonathas. I lamenti e le lacrime del giocatore avevano fatto un lungo stop, invece Pizarro dovrà fermarsi per massimo due settimane. Il d.s. Daniele Pradè è restato a lungo al telefono, domenica notte, con il d.t. Eduardo Macia, per valutare il possibile acquisto di un nuovo regista, escludendo poi questa ipotesi alla luce delle buone notizie sul numero 7, mentre il tecnico viola Vincenzo Montella, proprio in considerazione dell'assenza del proprio perno di centrocampo, sta pensando di accelerare il processo di cambiamento del modulo.

La gara contro il Pescara infatti ha dimostrato non tanto che il gioco di Pasqual e compagni sta diventando prevedibile, ma che gli avversari della Fiorentina hanno incominciato da tempo a studiarne le manovre, e quindi si sta pensando a cambiare registro. Cuadrado ha dimostrato la propria incisività più in fase offensiva che difensiva, e allo stesso tempo c'è la volontà di rilanciare a destra Mattia Cassani. Sull'altra corsia Pasqual ha dato qualche segnale di stanchezza e il possibile acquisto di almeno un altro attaccante apre all'ipotesi 4-3-3, che fu il primo modulo pensato da Montella al suo arrivo a Firenze.

In questo senso il possibile cambio tattico porterebbe modifiche anche nelle scelte di mercato: al di là di una nuova punta, il tecnico ha chiesto un nuovo difensore, segno che quasi certamente Camporese verrà mandato a giocare, e che Migliaccio viene visto come alternativa a centrocampo e non nel pacchetto arretrato, mentre si fa largo la possibilità di acquistare un nuovo interno di centrocampo. Una linea offensiva a tre peraltro farebbe da preludio all'inserimento, a primavera inoltrata, di Giuseppe Rossi, che giocherebbe insieme a Stevan Jovetic e Luca Toni. Un tridente d'attacco che già oggi fa sognare i tifosi viola e spaventa le avversarie alla corsa per la Champions League.