Continua tra incredibili colpo di scena la vicenda della cessione del Genoa.

Quando tutto lasciava supportare che il passaggio di proprietà del club più antico d'Italia dalle mani di Preziosi a quelle di una cordata internazionale guidata da Giulio Gallazzi fosse ormai imminente, l'attuale presidente rossoblù avrebbe compiuto un clamoroso dietrofront.

Secondo quanto riportato questa mattina dall'edizione online di Repubblica Genova, Enrico Preziosi avrebbe deciso di non vendere più il Genoa, comunicando la sua nuova intenzione ai potenziali compratori ieri sera tramite una telefonata. 

La notizia è stata però prontamente smentita dalla società rossoblu, attraverso un comunicato stampa diffuso pochi nel primo pomeriggio sul sito ufficiale del club: "Il Presidente Enrico Preziosi - si legge nella nota - smentisce categoricamente di aver comunicato la sua intenzione di “non vendere più” la Società, come erroneamente è stato riportato oggi sull’edizione locale on line di un organo di stampa, a firma del solito giornalista che continua a fare disinformazione dimostrando poca credibilità. Invita inoltre, se mai ce ne fosse bisogno, a non seguire assolutamente le presunte notizie di questo signore".

Secondo altre voci, trapelate in mattinata, tuttavia la due diligence, l'analisi dei conti societari iniziata proprio ieri, sarebbe già stata ufficialmente interrotta.