Alla fine Pepito ha scelto il numero del cuore.

Ad accompagnare Giuseppe Rossi nella sua nuova avventura al Genoa sarà il numero 49. Una cifra dal significato altamente simbolico per il trentenne attaccante. Non il 22 che spesso lo ha accompagnato nel corso della sua carriera e neanche il 7, quello mai più indossato da nessun giocatore rossoblu dai tempi del suo omonimo Marco Rossi. È proprio il fatto che la maglietta dell'ultima bandiera del Grifone potesse essere rispolverata per adagiar la sulle spalle di un grande campione come l'italio-americano aveva spinto molti tifosi ad invocare una sorta di delega per quel numero ritirato dalla numerazione ufficiale da ormai quattro stagioni.

Con il 9, il 10 e l'11 già occupati rispettivamente da Centurion, Lapadula e Taarabt, il campo delle scelte per Pepito si restringeva a poche altre cifre. SE così la decisione di optare per quel 49 già indossato per due stagioni alla Fiorentina è venuta quasi naturale. Nella scelta non c'è però una nostalgia dei tempi in viola, quanto il desiderio di ricordare l'anno di nascita del papà scomparso nel 2010.