Galliani chiama, Preziosi risponde. L'infortunio a De Jong ha preoccupato e non poco la dirigenza milanist,a ma tutto sembra essere rientrato perché l'alternativa è già stata trovata. Juraj Kucka con ogni probabilità sarà l'ennesimo pendolare sull'autostrada Genova-Milano. Ancora da definire le modalità, ma sembra proprio che sarà il centrocampista rossoblù l'ultimo - almeno fino ad oggi - della lunga lista che ha visto spostarsi negli anni da una sponda all'altro gente come El Shaarawy e Boateng. Dopo un periodo di appannamento derivante dal 'no' dell'Inter della scorsa stagione, Kucka è tornato ad essere l'unica nota lieta rossoblù. Fisico da gigante e piedi addomesticati ne fanno colpo di mercato importante per il Milan che cerca la riscossa.

E il Genoa? Perderà l'unico uomo in grado di poter risollevare le sorti del Grifone. Da mesi è il solo giocatore degno di nota nel caos generale che regna al 'Signorini' di Pegli. La rivoluzione di mercato di gennaio porterà a Genova Matuzalem, che con Kucka al fianco avrebbe potuto formare una coppia importante, ma che ancora prima di essere presentato ha già perso (o quasi) il suo compagno di avventura. Alternative cercasi, quindi: Marco Biagianti scala la classifica perché obiettivo di Preziosi ormai da un paio di anni, e questa volta potrebbe davvero dire 'sì'. Altrimenti si cercherà di ripetere l'operazione Kucka con un investimento nell'Est europeo. A fare gola in questo momento è Yuryevich Tsallagov, 22 anni, nazionale Under 21 russo. Questa giovane promessa del Krylia Sovetov Samara è un terzino destro che sa anche giocare come centrale di centrocampo. Insomma, se dovesse essere un vero colpo alla Kucka potrebbe coprire sia il vuoto lasciato dallo slovacco che quello che ogni intanto lascerà Sampirisi, altro giovane che ha bisogno di prendere fiato per non bruciarsi. Il problema vero è se davvero Tsagallov potrà essere il nuovo Kucka o l'ennesima scommessa persa di questo nefasto 2012 rossoblù.