Tra le necessità di mercato del Genoa nella sessione che aprirà i battenti domani c'è anche quella di sfoltire una rosa extralarge. Uno dei primi indiziati a salutare Pegli è Raffaele Palladino, per il quale le già risicate opportunità di scendere in campo si sono ulteriormente ristrette con l'arrivo a Pegli di Giuseppe Rossi, evento che ne ha causato anche l'estromissione dalla lista dei 25 giocatori selezionabili per la Serie A

Nonostante un'età ormai non più verdissima e le pochissime apparizioni collezionate in questa prima parte di stagione (appena quattro, l'ultima delle quali risalente a fine settembre), all'ex ala di Parma e Juventus le offerte di nuovi ingaggi non mancano affatto. Soprattutto in Serie B sono infatti almeno quattro i club disposti ad investire ancora suo indubbio talento. Tra questi negli ultimi giorni sembra aver scalato diverse posizioni l'Entella, ultima iscritta nell'elenco delle pretendenti a Palladino ma già apparentemente in grado di scavalcare la concorrenza di Bari, Ternana ed Avellino. 

A giocare un ruolo determinante nel futuro dell'attuale numero 17 rossoblù potrebbe essere la componente geografica. Palladino non ha mai nascosto il suo piacere di risiedere in Liguria e magari un giorno di poter far parte dello staff del Genoa. Spostarsi di una cinquantina di chilometri verso est dal capoluogo genovese potrebbe essere per lui la scelta migliore.