Ad un mese e mezzo dalla riapertura del calciomercato, in casa Genoa cominciano le prime manovre in ottica campagna trasferimenti.

Uno degli obiettivi primari di Villa Rostan è quello di rinforzare il reparto avanzato, finora decisamente deludente dal punto di vista realizzativo. In particolare si cercherà di portare a Pegli una prima punta in sostituzione di un'altra. Se Gianluca Lapadula e Pietro Pellegri non rischiano il posto, chi potrebbe salutare è Andrej Galabinov, la cui prima esperienza in Serie A si sta rivelando al di sotto delle aspettative.
Nonostante i due gol fin qui realizzati, contro la Juventus su rigore ed a Cagliari dove però ne ha fallito almeno altri tre, il bulgaro arrivato in estate a parametro zero con l'anno nuovo potrebbe far ritorno in cadetteria. 

A lui guarda con un certo interesse l'Avellino, club nel quale Galabinov disputò la miglior stagione della propria carriera nel 2013-14, mettendo a segno 15 reti in Serie B, uno in Coppa Italia e guadagnandosi la chiamata della propria nazionale. Il ritorno in Irpinia della punta balcanica coinciderebbe con il rientro al Genoa di Raul Asencio, il dicianovenne spagnolo cresciuto nella cantera rossoblu e girato in prestito ai lupi la scorsa estate.

Una soluzione praticamente a costo zero, che permetterebbe al Grifone di concentrare maggiori risorse finanziare su altri obbiettivi.