Un cartellino giallo, da sanzione a possibile oggetto di esame in tribunale. Rischia di proseguire il nuovo caso che riguarda Mario Balotelli: l'attaccante del Nizza è stato ammonito dall'arbitro Nicolas Rainville per un gesto rivolto ai tifosi di casa del Digione che gli rivolgevano insulti razzisti, tali da convincerlo a lasciare il campo qualora fossero proseguiti. Annuncio dello speaker per calmare i fan e referto aggiuntivo da parte del delegato federale, ma non è bastato e dopo l'intervento di Sos Racisme arriva la dura presa di posizione del Cran, il Consiglio Rappresentativo delle Associazioni Nere di Francia: "Balotelli ha subito una doppia pena. Il razzismo costituisce reato. L'arbitro che non reagisce di fronte a un atto razzista è complice. E se sanziona la vittima degli insulti è doppiamente colpevole. Quindi merita di essere portato in tribunale e ricevere una sanzione esemplare. E' finito il tempo dell'impunità - conclude il comunicato - Chiediamo agli arbitri di assumersi le loro responsabilità, altrimenti toccherà ai giudici costringerli a farlo". Il Cran ha deciso di denunciare il direttore di gara Rainville, che si difende: "Non ho sentito gli insulti, altrimenti non avrei mai ammonito il giocatore, di cui comprendo la reazione". La palla ora passa alla commissione disciplinare della Lega, che domani esaminerà il caso".