"Un angolo per chi ha la visione del calcio di Nick Hornby, per chi vive la partita come un film, per chi reputa Babangida il miglior calciatore della storia. Un piccolo mondo per chi non ha scritto calcio con il pallone tra i piedi, ma con una penna tra le dita, una telecamera sulla spalla o un joystick in mano, per quelli cresciuti a pane, nutella e Holly e Benji . Il calcio visto con gli occhi, e gli occhiali, del Nerd".

"Ma-ma-ma che spot è?!?!?"
la mia reazione è  stata più o meno così. C'erano due cose che mi facevano sognare tra la fine degli anni '90 e l'inizio del nuovo millennio: le presentazioni dei videogame e gli spot sul calcio. E, fortunatamente, la fantasia non mancava mai ai loro creatori. Un giorno, poi, nel 2001, le due cose si fondono: esce "The Mission". No, non il film, lo splendido film, con Robert De Niro del 1986, ma il videogame dell'EMG Software, nel quale Edgar Davids, Lilian Thuram, Thierry Henry, Pep Guardiola, Luis Figo, Fabio Cannavaro, Dietmarr Hamann, Nwankwo Kanu e Andy Cole, agli ordini di Louis van Gaal, devono recuperare un pallone sotrattogli da una banda di samurai robot. Calcio, azione, Davids, samurai robot, il tutto che ruota attorno a un pallone: cosa c'è di meglio? 

ANCHE IBRA - Niente, non c'è niente di meglio. Se non, forse, uno sviluppo migliore. 28 livelli e io, tra i primi ad averlo, facevo fatica a superare il primo, nel quale bisognava, con un pallone, premere un semplice bottone rosso. Un semplicissimo bottone rosso. Un semplicissimo e irraggiungibile bottone rosso. La missione la si portava a termine a coppie e per me, personalmente, era Davids, con i suoi occhiali anti laser, più un altro. Un gioco che prometteva tanto, e che alla fine si è rivelato un flop, per l'alta difficoltà in alcuni livelli. "Non prenderò mai più un gioco così, con calciatori pseudo eroi!".Flop che non vuole replicare Zlatan Ibrahimovic... Sì, perché Zlatan, alla ricerca di squadra, con un tweet nella giornata di ieri ha scatenato il finimondo: l'armatura che indossa il suo avatar è rossonera, quindi... Per il momento, niente di tutto ciò, solamente l'annuncio che uscirà un videogioco con Zlatan Ibrahimovic come protagonista!

CI VUOLE TEMPO - Servirà ancora un po' di tempo per capire che tipo di gioco sarà: "Capisco che ci sia curiosità - spiega Markus Koos, CEO e fondatore di Isbit Games, casa di produzione svedese di cui Ibra è azionista, all'Expressen - presto vi diremo di cosa si tratta. Zlatan è un nostro socio e ci aiuterà nelle prossime iniziative". Nel frattempo Ibra twitta e fa sognare: "New games, new rules", nuovo gioco, nuove regole. Speriamo siano più semplici di quelle di The Mission... Ma con #ZlatanLegends tutto è possibile. Ah, ricordate il "Non comprerò mai più un gioco con calciatori pseudo eroi"?. Ibra, scherzavo....  

@AngeTaglieri88