Ci sono anche Thierry Henry, Robert Pires ed Hernan Crespo tra i giocatori che prenderanno parte al prossimo campionato di calcio in India, come annunciato dagli organizzatori. Tra i tanti stranieri, confermato l'interesse a giocare nel paese asiatico anche di Fredrik Ljungberg, Dwight Yorke e Louis Saha, quest'ultimo ex attaccante della Lazio.

La federcalcio indiana (AIFF) e il suo partner commerciale  IMG-Reliance puntano a creare una Indian Super League di altissimo livello, che prenda il via a gennaio per concludersi a marzo e che si disputi in modo itinerante in otto città con squadre composte da nove giocatori stranieri e 13 indiani.

“L'idea della Lega è quella di rivoluzionare il calcio indiano - ha annunciato un portavoce dalla IMG-Reliance alla AFP - qui ci sono molte persone che seguono il calcio europeo e l'obiettivo è quello di creare sinergie su questo asse". Yorke, Saha, Ljungberg, Pires e Crespo hanno già confermato la loro presenza, stando sempre a quanto dichiarato da questo portavoce. 

Facoltosi uomini d'affari sono stati invitati ad acquistare i clubs: Mumbai, Delhi, Kolkata, Chennai, Kochi, Guwahati, Goa, Bangalore e Pune sono le nove città che si sono candidate per gli otto posti attuali della prossima Super League. Ma gli attuali club si sono opposti: hanno paura che l'attuale I-League possa presto morire.