L'idea nella scorsa estate era spuntata davvero. Mateo Kovacic e il ritorno all'Inter, una tentazione che c'è stata: il centrocampista croato non si era lasciato bene con Zinedine Zidane dopo la scorsa stagione, troppo poco spazio nel nuovo Real Madrid e l'idea di andar via che prendeva corpo. Da lì la proposta dei suoi agenti, gli ottimi rapporti con l'Inter da quando Ausilio lo prese dalla Dinamo Zagabria, tutti indizi di un'operazione comunque complessa. Il Real non ha mai aperto alla cessione in prestito con diritto di riscatto, così è saltato tutto per l'Inter come per la Juventus in pochi giorni.

COSA CAMBIA - Adesso la situazione è decisamente cambiata. Kovacic è soddisfatto dello spazio che sta trovando a Madrid, seppur non da protagonista assoluto; il Real Madrid allo stesso modo è contento di Mateo, lo venderebbe solo a titolo definitivo e per una cifra superiore ai 45 milioni di euro, questa la valutazione che ne fa Florentino Perez. Insomma, l'Inter e Kovacic non si trovano sulla stessa strada nonostante Spalletti sia un suo grande estimatore. Ecco perché non è decollato fin qui il discorso per la prossima estate e non è un nome su cui si sta lavorando in ottica nerazzurra. Aspettando il dentro o fuori della Champions...