L'anno scorso Inter-Atalanta fu per l'Inter un punto di arrivo, dopo quel fragoroso 7-0 i nerazzurri ebbero un calo di prestazioni e di risultati. Quest'anno la sfida contro Gasperini, invece, dovrà rappresentare un punto di partenza per la squadra allenata da Spalletti. Questo è quanto scrive il Corriere dello Sport. 

“Già, vedi Atalanta e poi... ricordi. Il nastro va riavvolto di appena qualche mese, la banda di Gasperini faceva paura una volta puntata seriamente l'Europa: ma in quel 12 marzo venne sprigionata l'Inter migliore. Sospinta dalle triplette di Icardi e di un insolito Banega, con Gagliardini - che soltanto qualche settimana prima aveva fatto il percorso da Bergamo a Milano, come rinforzo invernale - a completare l'opera. Illusione moltiplicata, un po' come i sette gol di quel pomeriggio per l'Inter. Peccato, appunto, che da lì in poi si sarebbe staccata del tutto la spina dei risultati e di ogni buona intenzione. Con la tremenda deriva e il cambio di allenatore. Quello di San Siro domenica, Atalanta permettendo, dovrà essere un punto di ripartenza”.