Squadra che vince, non si cambia. Spalletti ha schierato la stessa formazione titolare nelle ultime cinque partite. A un terzo di campionato, la sosta per le nazionali dà l'occasione di tracciare un primo bilancio parziale sui rinforzi arrivati nello scorso mercato estivo. 

TRE + I sei nuovi acquisti si possono separare in due tronconi. Nell'undici base si sono subito inseriti i tre calciatori che giocavano già in Italia: Skriniar, Borja Valero e Vecino. I quali sono scesi in campo tutte le volte. Il difensore slovacco ha giocato sempre (1080 minuti), più dello spagnolo (971') e dell'uruguaiano (929') ex Fiorentina, autori di un gol a testa. 

TRE - Invece i tre nuovi acquisti arrivati dall'estero sono ancora ai margini: 283 minuti giocati per Dalbert, 43' per Cancelo e 18' per Karamoh. Quest'ultimo in particolare stuzzica la fantasia dei tifosi interisti, che si sono innamorati a prima vista del talento francese nel finale contro il Genoa. Eppure da allora non ha più visto il campo. Ora è in ritiro con la nazionale francese Under 20 e ieri ha giocato titolare un'amichevole pareggiata 1-1 in Marocco, che verrà ripetuta sabato. L'importante è non avere fretta, perché a giovani come lui bisogna dare tempo e fiducia. Vedere per credere la doppietta realizzata a Firenze dall'(ex) oggetto misterioso della Roma, Gerson: classe 1997, un anno in più di Karamoh. Lo stesso discorso varrà anche per l'argentino Colidio (2000), autore di un gran bel gol con Primavera nerazzurra. 

@CriGiudici
 
 

Un post condiviso da Yann Karamoh (@y.karamoh_7) in data: