"Suning punta in alto, l'Inter tornerà grande". Pensando al futuro, in casa nerazzurra si respirano ventate d'ottimismo. Almeno a livello di dichiarazioni: da quelle con cui si presentò Zhang Jindong, entrato in società un anno e mezzo fa nel giugno del 2016, all'ultima intervista dell'amministratore delegato Alessandro Antonello. I cinesi hanno grandi progetti, ma vogliono fare le cose con calma, rispettando i diktat del governo del loro Paese e le regole Uefa in tema di fair-play finanziario. Giusto così, ma inevitabilmente l'umore della piazza risente delle mosse sul mercato. 

MERCATO FRENATO - Strano destino per Walter Sabatini, che pensava d'aver trovato in Suning quelle risorse economiche mancate ai tempi della Roma. E invece si trova ancora costretto a fare i conti con l'autofinanziamento. Vendere prima di comprare, oppure farlo con la formula del prestito, o ancora puntare su delle scommesse. Basti pensare all'arrivo di Lisandro Lopez dal Benfica e alla trattativa per Rafinha. Dal Barcellona, nell'estate del 1997, Moratti prese il calciatore più forte del mondo: il Fenomeno Ronaldo. Vent'anni dopo, l'Inter sta "elemosinando" prestiti in giro per l'Europa. Sarà solo una tappa nel processo di crescita, ma non tutti i tifosi hanno la pazienza di aspettare tempi migliori. Anche se la verità è che non ci sono alternative: dove sarebbe oggi l'Inter senza Suning? Pensandoci bene, è meglio tenerseli stretti questi cinesi. 

@CriGiudici


GIOCA A FANTACALCIOMERCATO, il gioco più appassionante e divertente del web. Si può giocare solo su CALCIOMERCATO.COM e la partecipazione è GRATUITA. 
Basta essere registrati su Calciomercato.com e cliccare su fanta.calciomercato.com