Secondo giorno di ritiro in Polonia per la Nazionale italiana. Oggi i giocatori e tutto lo staff azzurro sono andati in vista ai campi di sterminio nazisti di Auschwitz e Birkenau. Il direttore del museo del lager e il presidente della comunità ebraica italiana, Renato Gattegna hanno fatto da guida. Alla spedizione si sono uniti anche alcuni testimoni dell'Olocausto, oltre ai rappresentanti dell'Ucei (Unione delle comunità ebraiche italiane) e del Museo della Shoah di Roma.

Il centrocampista del Milan, Riccardo Montolivo ha commentato a Rai Sport: "Non si poteva non venire qui, è una giornata che ti lascia sconvolto e in questo momento sento solo un grande vuoto dentro".
Ieri il ct Prandelli ha dichiarato in conferenza stampa: "E' una visita obbligata che tutti dovrebbero fare. Visitare questi posti serve per far capire alle nuove generazioni che spesso basta veramente poco per creare dei disastri".

Al termine della visita è previsto il rientro nell'albergo Turowka di Wieliczka. Nel pomeriggio, alle ore 16.15, la conferenza stampa di due calciatori, quindi alle 17.30 il secondo allenamento al Pilsudski Stadium di Cracovia aperto solamente alla stampa. Alle 18 è atteso l'arrivo in ritiro del difensore del Cagliari, Davide Astori, convocato da Prandelli dopo l'infortunio muscolare dello juventino Andrea Barzagli. Venerdì, sulla base di nuovi esami, il ct deciderà se tenere Barzagli in gruppo o chiedere all'Uefa la sostituzione con Astori.