Stevan Jovetic è tornato ieri a Milano, non rischierà contro il Montenegro perché si è interrotto il sogno Europei con la sconfitta contro l'Austria. Il montenegrino ne ha parlato alla Gazzetta dello Sport: "Sono ancora dispiaciuto per l’eliminazione, ci abbiamo messo tutto il cuore ma non ce l’abbiamo fatta. E siamo stati anche un po’ sfortunati". 

CONTRO LA JUVE - Dopo il lavoro con il fiosioterapista della nazionale, ora sarà valutato dallo staff medico dell'Inter. Ma è pronto per la Juve: "Io ci sarò. Se ho mai segnato alla Juventus quando giocavo a Firenze? Sì uno, lo segnai allo Stadium, ma non fidatevi della Juve così in basso in classifica, resta forte, fortissima perché ha giocatori di grande valore. Adesso la squadra sta anche riprendendo il passo, per questo dico che serve stare attenti. Batterla sarebbe un grande passo, oltre che un segnale a tutto il campionato. L'Inter senza di me non vince? É solo una coincidenza, siamo una squadra e nessuno è più importante dell’altro. Sono situazioni che capitano, adesso cerchiamo di riprenderci".