Dopo la vittoria della sua Juventus sul Sassuolo, Massimiliano Allegri ha parlato in conferenza stampa: "Non dovevamo subire gol, è capitato, ma soprattutto la cosa che dobbiamo migliorare è la gestione di alcuni momenti della partita, perché non puoi fare 35 minuti per bene e poi dopo sbagli due palle, che può succedere, e allora allungarti e concedere qualche tiro all'avversario. In quei momenti la lettura deve essere diversa, quella di raccogliersi, aspettare che passi il momento, poi riprendere a giocare, come poi i ragazzi hanno fatto. Poi bisogna migliorare altre cose, tipo quando vai in vantaggio e quando la partita sembra facile, invece bisogna continuare a palleggiare e giocare molto semplice, senza andare a fare le guerre individuali. La squadra ha comunque fatto una bella partita, ha avuto una bella reazione, bisognava vincere e i ragazzi lo hanno fatto nel migliore dei modi. Dybala fenomenale in campionato e più timido in Europa? Assolutamente no, Dybala a Barcellona ha fatto una buona partita, nel secondo tempo ha sbagliato tutta la squadra".

Un ricordo di Bersellini? Bersellini è stato un allenatore importante per il calcio italiano, faccio le condoglianze alla famiglia. Settimana particolare per il club? La squadra ed io siamo molto vicini alla società e al presidente, che tra l'altro è una persona che io stimo molto, una persona perbene, quindi, gli siamo molto vicini e l'unica cosa che potevamo fare era quella di vincere la partita. E i ragazzi sono stati bravi a farlo".

"Dybala col 4-2-3-1 lo scorso anno segnava poco? Il calcio è strano. La dimostrazione che le partite si vincono con i giocatori bravi, tecnici. Tra l'altro Higuain si mette molto a disposizione di Paulo, viene fuori, gioca, di questo sono molto contento. Come tutta la squadra. Se Paulo riesce a fare gol e a fare delle ottime prestazioni è perchè è supportato da una squadra che lo mette nelle condizioni di fare questo. Higuain ha fatto un buon primo tempo, sono contento di quello che ha fatto. Nell'arco della stagione ci sono gli attaccanti che passano dei momenti senza fare gol. Higuain al momento ha fatto gol con il Cagliari e con il Chievo. Abbiamo giocato quattro partite e ha fatto due gol. Quello che sta facendo dei gol fuori misura in questo momento è Dybala. Higuain tornerà a fare gol come li ha sempre fatti, come farà gol Mandzukic, come faranno gol gli altri, perché per arrivare in fondo a vincere uno Scudetto, c'è bisogno di tutti, soprattutto che i gol vengano distribuiti per tutta la squadra".

"Per la prima volta segniamo tanto? Direi che le annate sono diverse l'una dall'altra, non è detto che continueremo a giocare con questo sistema di gioco perchè l'annata è molto lunga. Un dato è certo: contro i numeri non si può andare. L'unico anno che ha vinto il miglior attacco, credo sia stato il 2006/07, dove ha vinto l'Inter e seconda la Lazio, dove l'Inter ha subito 34 gol e la Lazio che è arrivata terza, non seconda, ne ha subiti 33. Negli ultimi 10 anni il campionato italiano lo ha vinto comunque sempre la migliore difesa. Se quest'anno arriva il miglior attacco, speriamo di sfatare questa cosa. Matuidi, l'ho detto prima alle tv, è un ragazzo che mi piace molto come giocatore, perchè innanzitutto sta zitto, corre, pedala, è un giocatore di sostanza, un giocatore da Juventus. Oltretutto sa giocare a calcio e i numeri parlano per lui, è un giocatore che ha sempre giocato con tutti gli allenatori che ha avuto. Con Pjanic hanno una buona intesa, ma per lavorare bene, bisogna che gli esterni facciano un lavoro da esterni, altrimenti due in mezzo al campo faranno fatica".

"Turnover con la Fiorentina? La Fiorentina non si è indebolita, ha cambiato dei giocatori, ha giocatori giovani, tecnici, che hanno grande entusiasmo, quindi bisogna fare una partita giusta per portare a casa i tre punti. Comunque sia è sempre Juventus-Fiorentina, quindi bisogna farsi trovare pronti nelle migliori condizioni".