Il giorno di Douglas Costa è arrivato. Ecco la conferenza stampa di presentazione del primo acquisto della Juventus.

JUVE - "Grande squadra, quando si è presentata l'opportunità di venire qui l'ho colta al balzo".

CARDIFF - "La finale è sempre una partita difficile. Io sono arrivato qui per dare il mio contributo, penso di poter dare una mano per ritentare la conquista della Champions. In finale poi serve anche fortuna, la scorsa volta è mancata".

CALCIO ITALIANO - "La Serie A è un campionato molto forte, penso di potermi adattare in fretta nonostante non mi piace il calcio con molto contatto fisico e in Italia avviene in continuazione".

ALEX SANDRO - "Ho parlato spesso con Alex Sandro, mi ha raccontato di questa grande squadra. Abbiamo lavorato insieme nella Seleção, questa è una squadra molto forte, è un bel matrimonio con la Juventus  e appena è sorta questa possibilità, mi sono innamorato e ne ho approfittato".

VIDAL - "E' un grande amico, mi ha parlato molto bene dei tifosi della Juve e spero di essere amato da loro"

POSIZIONE - "Allo Shakhtar giocavo a destra, al Bayern giocavo a sinistra. Non decido io, non so dove giocherò. Farò quello che mi dirà Allegri, non abbiamo ancora parlato perché abbiamo fatto tutto molto in fretta".

ESULTANZA - "Non so ancora come esulterò, sono molto legato al momento"

VITA PRIVATA - "Sono innamorato di mia moglie, mi piace giocare al videogame, mi piace stare con i miei amici, giocare a bowling".

IMPATTO JUVE - "La Juve è una squadra che vince sempre, arriva da due finali di Champions in tre anni. Grande possibilità di crescere, sono arrivato al momento giusto nella squadra perfetta".

ANCELOTTI - "Grande persona, tratta tutti alla stessa maniera. Ma io voglio giocare, al Bayern forse non potevo trovare lo spazio che posso avere qui. E punto al Mondiale. Sono grato ad Ancelotti e al Bayern Monaco. Non ho nessun desiderio di rivalsa col Bayern, il mio unico desiderio è di far vedere che la Juventus ha fatto la mossa giusta".

ASSIST MAN - "Higuain è un attaccante che mi piace moltissimo, avremo la possibilità di segnare tanti gol insieme come avevamo fatto con Luiz Adriano".

BONUCCI - "Giocatore importante, ma non sono io a dover valutare questa situazione. Così come ho lasciato il Bayern Monaco, lui ha lasciato la Juve".

CHAMPIONS - "Per me è la competizione più difficile, quando il Bayern ha vinto io non c'ero, la Juve non ce l'ha ancora fatta ed allora questo matrimonio arriva al momento giusto. Sono felice di arrivare proprio adesso e di portare la squadra a grandi livelli".