Tre successi di fila in Coppa Italia non arrivano per caso: soprattutto considerando il noto status della competizione quale “torneo di riserva”, che come tale costringe i top club ad affidarsi alla panchina in tutta la propria lunghezza. Così anche la Juventus, che nella rincorsa verso i tre obiettivi stagionali ha spesso e volentieri sacrificato la formazione dei “titolarissimi” nelle partite della coppa nazionale. Tutto parte dai pali, dove Neto ieri sera si è rivelato uno dei grandi protagonisti della vittoria contro la Lazio. Già, proprio il brasiliano, la riserva di Gigi Buffon reduce dall’orribile papera che provocò il gol di Mertens nella semifinale di ritorno contro il Napoli. Ma in una Juve sempre più abituata a lasciare soltanto le briciole ai propri avversari, la sensazione è che il vero top player tra i pali - tra i vari Buffon, Storari e Neto passati e presenti - resti sempre lui: Claudio Filippi (foto Kicker.de).

LEGGI IL SERVIZIO COMPLETO SU ILBIANCONERO.COM