La Juventus è chiamata a rialzare immediatamente la testa dopo la pesante sconfitta subita domenica sul campo del Genoa. Il compito della squadra di Allegri, però, non è affatto semplice, visto allo Juventus Stadium arriverà l'Atalanta di Gasperini, rivelazione di questo avvio di campionato.
 
PROBLEMI IN DIFESA – Al di là del contraccolpo che potrà avere la sconfitta per 3-1 contro il Genoa, Massimiliano Allegri dovrà risolvere il problema legato alla difesa e ai tanti infortuni. A Marassi si sono fatti male sia Bonucci che Dani Alves e entrambi dovranno rimanere a lungo lontano dai campi: il primo dovrebbe stare fuori circa due mesi, il rientro del brasiliano è invece previsto non prima di marzo. Barzagli è fuori da diverso tempo e anche lui dovrebbe rientrare nel 2017, mentre Chiellini sta ancora recuperando da una serie di infortuni muscolari e non vorrebbe affrettare i tempi del rientro.

Contro il Genoa, la Juventus si è presentata con la solita difesa a 3 ma con Dani Alves difensore centrale e Lichtsteiner esterno a destra nel centrocampo a 5.



Si tratta di una soluzione inedita, visto che il brasiliano ha sempre giocato come terzino o esterno di centrocampo. L'allenatore bianconero aveva deciso di sopperire così alle pesanti assenze di Chiellini e Barzagli, ma adesso sarà costretto nuovamente a cambiare i piani.
 
LE POSSIBILI MOSSE – Allegri ha sostanzialmente due strade da poter seguire: dovrà scegliere se insistere sulla difesa a 3 oppure cambiare sistema di gioco e passare alla difesa a 4, una soluzione che ha spesso avuto in mente ma che ha proposto soltanto in alcune occasioni.

Per quanto riguarda la prima possibilità, quella della difesa a 3, gli unici sicuri del posto nelle prossime partite sono Benatia e Rugani, poi dovrebbe esserci Chiellini, che sta recuperando da un infortunio e non è ancora al meglio. Il difensore della Nazionale dovrà accelerare il rientro e dovrebbe essere in campo dal primo minuto già contro l'Atalanta. Nel caso in cui Chiellini non dovesse riuscire a recuperare in tempo per la prossima partita, un'idea potrebbe essere quella di piazzare Evra centrale di difesa, continuando ad insistere con Alex Sandro e Licthsteiner sugli esterni. Sarebbe comunque una soluzione di ripiego e probabilmente anche rischiosa, visto che in questo modo Allegri impegnerebbe tutti i difensori a disposizione e non avrebbe dunque una riserva in caso di necessità.




Un'opzione più percorribile potrebbe essere quella del passaggio alla difesa a 4, con Alex Sandro e Licthsteiner terzini e Benatia e Rugani al centro della difesa. Chiellini avrebbe dunque la possibilità di rientrare senza forzare i tempi ed Evra non dovrebbe giocare a centro della difesa, ruolo che ha già comunque ricoperto, pur senza grandissimi risultati. A quel punto resterebbe da ridisegnare il centrocampo, con Cuadrado che potrebbe trovare spazio dall'inizio sulla fascia destra, sia come centrocampista laterale sia nel tridente d'attacco con Mandzukic e Higuain, così come già visto nella partita dello scorso ottobre contro la Sampdoria. In quell'occasione la Juventus scese in campo con un 4-3-3, con Cuadrado libero di svariare in varie zone del campo.