“Garay? Un ottimo giocatore, ma per il momento non ci sono le condizioni”. Così Beppe Marotta ha liquidato per il momento la trattativa che avrebbe visto il centrale del Valencia quale rinforzo ideale per la difesa della Juve. Che rimane assolutamente a caccia delle opportunità che può fornire il calciomercato a livello internazionale, purché possano presentare le giuste condizioni quando manca poco più di una settimana al fatidico 31 agosto. Una pista che sembra rispondere al caso del club bianconero è quella che porta a Benedikt Howedes, difensore tedesco classe '88 dello Schalke 04. Segni particolari: in fuga da Gelsenchirken. Un elemento tutt'altro che di secondo piano, nonostante un contratto in scadenza nel 2020, ecco che il profilo di Howedes sta diventando un'ipotesi particolarmente concreta in casa Juve. 

IL PUNTO - Centrale di professione, può giocare anche terzino destro a seconda delle necessità: tatticamente, quindi, in un sol colpo saprebbe risolvere due esigenze della retroguardia bianconera. Da anni nel giro della Nazionale tedesca, porterebbe con sé quel bagaglio di esperienza internazionale che lo renderebbe già pronto per una realtà che punta a vincere tutto. Nato e cresciuto a pane e Schalke, è ora in rotta con la società tedesca, una posizione che lo rende particolarmente appetibile sul mercato: la Juve dopo aver sondato la disponibilità del giocatore è ora pronta ad avviare i contatti con il club, che in passato si è rivelato un osso particolarmente duro come dimostrano i casi Draxler e Kolasinac ma che date le circostanze potrebbe anche accettare l'idea di un prestito oneroso con opzione di riscatto. Ora dopo ora aumentano anche le pretendenti. Su Howedes c'è anche il Liverpool, da tempo, con Jurgen Klopp pronto ad affondare il colpo in attesa dell'esito positivo dei preliminari di Champions. Non solo: anche l'Inter dopo la cessione di Murillo sta spingendo sull'acceleratore tanto da poter essere considerato in leggero vantaggio. Un nuovo derby d'Italia è pronto a partire anche per Howedes.

@NicolaBalice