Archiviata la sosta, per la Juve è subito tempo di fare sul serio. La sfida con la Lazio assume diversi connotati decisivi, così come il match con lo Sporting Lisbona di mercoledì. Così Allegri fa il punto della situazione alla vigilia della rivincita con i biancocelesti.

MANDZUKIC - "Non diciamo che ha preso una botta, che poi si arrabbia (ride, ndr). Sta bene, può giocare. Credo tra l'altro che in Nazionale non abbia avuto niente".

BUFFON - "E' tornato bello pimpante dalla Nazionale, domani gioca".

INFORTUNATI - "Marchisio sta lavorando in parte con la squadra in parte differenziato, Khedira sta bene, Pjanic a disposizione da mercoledì perché non voglio rischiarlo. Per De Sciglio, Pjaca e Howedes serve tempo"

ALLENATORE - "Fare l'allenatore non è facile, nella vita tutto è diviso in categorie. In un'azienza c'è un direttore che guadagna tanto e uno che guadagna meno. L'allenatore non è solo quello che va sul campo ed è bravo a dire a livello teorico, ci son tante sfaccettature in questo mestiere da gestire. Nessuno è uguale all'altro, tutti siamo diversi. La differenza un allenatore non la fa tanto a livello tattico, quanto nella gestione. Non so in percentuale quanto incide un allenatore, deve sapere quando c'è da forzare e quando da mollare la presa."

SUDAMERICANI - "Chi è più riposato domani sarà a disposizione e potrà giocare. Son rientrati tutti bene, a parte Bentancur che non l'ho ancora visto. Dybala ha riposato, è stato in vacanza due settimane. Higuain ha migliorato la condizione, è motivato, farà un grande mese".

LAZIO - "Errore non da fare sta nel non concedere ripartenze. Squadra ben organizzata, ben allenata, che ti gioca addosso. Domani partita complicata, ma noi dobbiamo ragionare e lavorare per fare una grande stagione arrivando a marzo per essere competitivi su tutti i fronti. In Supercoppa partita strana. Lazio da Scudetto? Non lo so, può capitare che un outsider vinca lo Scudetto".

COME MIGLIORARE - "Bisogna evitare passaggi a vuoto, come capitato con Sassuolo, Toro, Atalanta, smettendo non solo di giocare ma anche di difendere. Non bisogna essere in balia degli eventi. Su questi momenti della partita bisogna migliorare, altrimenti rischiamo di pagare con punti persi per strada. Non è facile perché questo è il settimo anno, bisogna fare qualcosa in più capendo che cosa vinto negli scorsi sei anni rimane lì. "

CAMPIONATO - "Bellissima giornata perché si affrontano le prime sei della classe. Ma sarà campionato ancor più difficile, perché tutti vorranno cercare di battere la Juventus. Anche se fin qui siamo riusciti a vincere sei partite su sette. Tutti sperano che la Juventus cada, ecco perché bisogna essere più tosti. Negli ultimi dieci anni, solo una volta ha vinto una squadra con la seconda miglior difesa, l'Inter nel 2010, solo quell'anno lì. Per il resto ha sempre vinto la miglior difesa, alla fine verrà fuori questa cosa qui anche se ora davanti c'è il Napoli che ha subito 5 gol come noi, mentre la Roma ne ha subiti 3 pur giocando una partita in meno".

HIGUAIN - "Con lui non parlo di Nazionale. Lui è motivato per fare una grande stagione con la Juventus, poi a livello personale avrà l'obiettivo di andare al Mondiale. Ma per farlo deve riuscire a fare bene con la Juve, in queste due settimane è cresciuto di condizione".

INZAGHI - "Come lo vedo alla Juve? Non lo so, perché per ora qua ci sono io. A livello generale di sicuro è uno degli allenatori giovani più bravi in circolazione, sta facendo grandi cose anche a livello gestionale e non era semplice alla Lazio".

VAR - "Noi a Bergamo non abbiamo pareggiato per il Var, abbiamo pareggiato perché ci siamo addormentati sul 2-0 e abbiamo sbagliato un rigore a 3 minuti dalla fine. Io sono favorevole al Var"

BASEBALL - "Ho solo detto che durano 3-4 ore, o mi sbaglio? Quand'ero piccolino c'era uno spazio dove giocavamo a baseball, ho anche praticato da amici. Credo di non aver offeso nessuno, nel caso mi scuso"

NAZIONALE - "In futuro vedremo. Ora bisogna stare vicini alla Nazionale, l'Italia deve andare al Mondiale".