"Odiare la Juve? No, anzi... Se ho mai pensato di andare alla Juve? Dovevo andarci prima del Milan. Sono andato prima a parlare con la Juve sì. Poi sono andato al Milan perché ero tifoso e perché c’era Galliani e con lui sto benissimo". Mario Balotelli, durante una diretta su facebook, ha raccontato  un tifoso di una trattativa che non si è chiusa, di un trasferimento saltato alla Juventus per 'colpa' del Milan. Tuttosport oggi in edicola svelta però un altro retroscena, racconta un'altra verità su Supermario in quell'estate 2013, quando scelse di lasciare il Manchester City.

'NO GRAZIE' - Balotelli non è stato così vicino dal vestire la maglia della Juve. L'idea venne dall'agente Raiola che propose a Paratici e Marotta il suo assistito: l'affare non si concluse perchè i dirigenti della Juve pensaro che inserire Balotelli nello spogliatoio sarebbe stato difficile e, molto probabilmente, controproducente, perché i limiti comportamentali dell’attaccante erano chiari ai dirigenti. Proposto, insomma, non richiesto.