Avete presente la scena del film capolavoro "The Truman Show" quando tutti gli spettatori sono incollati davanti alla tv nella speranza che il protagonista, interpretato straordinariamente da Jim Carrey, riesca a sopravvivere per scappare e liberarsi dal mondo virtuale in cui è stato fatto crescere artificialmente? Per anni la stragrande maggioranza dei tifosi calcistici nostrani hanno invocato "la moviola in campo", un cult del Biscardismo italiano, incollati dinanzi a radio e televisori proprio come fatto da quegli spettatori del Truman Show.

La prima volta

Al minuto 36 della sfida tra Juventus e Cagliari si è materializzata il VAR, ovvero la moviola in campo, che ha riscritto la storia del calcio. L'arbitro Maresca, nel giro di meno di 2 minuti è ritornato sui suoi passi assegnando il calcio di rigore al Cagliari (che in diretta non aveva fischiato) dopo aver rivisto l'azione sul monitor.  Farias ha poi calciato il rigore che Buffon (immortale) ha parato; un segno del destino che proprio lui, il più grande portiere di sempre, sia stato il primo a respingere un rigore assegnato con il VAR.

Orfani di alibi

La reazione di tutti i tifosi anti-juventini dopo la parata di Buffon è paragonabile a quella degli spettatori del Truman Show successiva all'uscita dal programma di Jim Carrey, finalmente libero: "e adesso cosa facciamo?". Per anni, il più grande tema di disquisizione (nei bar, nelle radio, nei salottini tv e non solo) di tutti coloro che non hanno mai voluto riconoscere i meriti sul campo della Vecchia Signora è sempre stato quello degli arbitraggi pro-Juve. "C'era un rigore sullo 0 a 0, il gol era in fuorigioco, Tizio andava espulso, Caio non doveva giocare". Immaginatevi cosa sarebbe stato Juventus-Cagliari senza il VAR; come sarebbe stata giudicata la partita.

Nessuno avrebbe esaltato la vittoria per 3 reti a 0 della formazione bianconera arrivata grazie alle reti degli attaccanti Mandzukic (indispensabile), Dybala (sontuoso e sempre più giocatore unico e insostituibile) e Higuain (implacabile) ma tutti avrebbero puntato alla polemica ricordando che "sul risultato di 1 a 0 c'era un rigore netto per il Cagliari". "Con la Juve è sempre la solita storia" ecc...ecc... Si sarebbero sprecate parole su parole, ore e ore di trasmissioni basate sul nulla assoluto e magari qualche titolone di giornale "Juve, non così" da leggere in prima pagina in edicola.

E invece, la constatazione che il rigore contro la Vecchia Signora, che non era stato visto in diretta, l'arbitro poi l'ha serenamente concesso (senza protesta alcuna dei giocatori in campo) ma la squadra allenata da Allegri ha vinto lo stesso facilmente ha gettato nel panico più assoluto gli anti-juventini. E adesso, senza più nemmeno l'alibi del "come sarebbe cambiata la partita se..." a cosa si potranno attaccare in futuro?

@StefanoDiscreti