Tre punti fondamentali, ma non è ancora finita

Grazie al bellissimo gol di Cuadrado realizzato in apertura di partita su splendido assist di Asamoah (tra i migliori in campo), la Vecchia Signora ottiene tre punti fondamentali sul campo dell'ostica Sampdoria, che consentono ai club bianconero di arrivare alla sosta nelle migliori condizioni psico-fisiche.
D'altronde, dopo aver pescato il Barcellona nei quarti del sorteggio Champions (la peggiore avversaria possibile, come ampiamente ricordato a caldo nella rubrica settimanale su ilbianconero.com) era fondamentale per la Juventus non fare avvicinare alla vetta assolutamente Roma e Napoli proprio alla vigilia della prossima doppia sfida del San Paolo, da disputarsi subito dopo la sosta per le nazionali, ben consapevoli del fatto che inoltre i bianconeri da qui a fine campionato dovranno giocare ancora anche all'Olimpico contro i giallorossi.

Turnover per sognare ma...

Se la Juventus vuole giocarsi sino in fondo (#finoallafine) le chance di trionfare in Champions League non ha alternative: dovrà ricorrere in maniera scientifica al turnover e centellinare al massimo le forze, sia in Campionato che in Coppa Italia, cercando però di limitare al minimo le conseguenze negative sull'andamento complessivo stagionale.
Non sarà per niente facile, Allegri ha un compito difficilissimo.
Turnover scientifico necessario anche per evitare possibili infortuni nei momenti decisivi della stagione.
L'anno scorso l'assenza di Dybala agli ottavi contro il Bayern Monaco costò carissimo alla Juve.
Chissà che Il Mister non abbia ripensato proprio a quell'episodio nel momento in cui ieri Paulo è uscito dal campo per un problema muscolare toccandosi la gamba.
Perdere la "Joya" in occasione della doppia sfida contro il Barcellona sarebbe stato letale.
Per fortuna però stavolta  tutto rientrerà nel giro di pochi giorni.

Vedi Napoli e poi...Champions

La doppia sfida contro il Napoli alla ripresa del campionato sarà fondamentale, decisiva, per capire in che modo, da qui a fine stagione, la Juventus potrà auto-gestirsi.
Come già precedentemente scritto, partite come quelle che attendono la Juventus in Champions League possono cambiare la stagione di una squadra non solo in positivo, ma anche in negativo, come ad esempio capitato proprio ad Allegri ai tempi in cui era allenatore del Milan.
Nel periodo intercorso tra sorteggio e doppio confronto contro il Barcellona stesso i rossoneri buttarono via tutti i punti di vantaggio sulla Juventus favorendo la rincorsa e la rimonta della squadra allenata allora da Antonio Conte.
Da lì, tutto ebbe inizio.
La fenomenale sequenza di scudetti bianconeri è cominciata proprio così. 
Quindi giusto sognare, ma occhio a sottovalutare le conseguenze del turnover.