"Adoro Gabriel Jesus, è un giocatore che mi piace tantissimo". Quando parla, Massimo Moratti non manca quasi mai di fare complimenti al gioiello brasiliano. Vicino, vicinissimo all'Inter un anno fa prima di firmare con il Manchester City dove adesso è diventato un'autentica stella: segna, fa segnare, la sua esultanza col telefono all'orecchio per sentire la mamma ("alo, mae") fa impazzire la Premier. Guardiola se lo coccola, Moratti avrebbe voluto vederlo all'Inter, un desiderio dei suoi: un tempo sarebbe stato irresistibile, oggi è un semplice pensiero. Un'altra storia.

'GRAZIE, MORATTI' - Eppure, c'è chi apprezza. Come Gabriel Jesus stesso - che un anno fa ha comunque apprezzato il corteggiamento dell'Inter - e il suo agente Cristiano Simoes, a Calciomercato.com, non manca di ringraziare quando viene a conoscenza delle frasi di Moratti sul suo assistito: "Ho saputo delle parole di Moratti, sono dichiarazioni molto belle. Lo ringrazio. Ma adesso, come naturale che sia, nella testa di Gabriel Jesus non c'è l'Inter ma il Manchester City e la Seleçao brasiliana, dove vuole fare cose importanti". Chiaro, Gabriel Jesus non si muove e Pep lo ritiene fondamentale, con margini di miglioramento pazzeschi. Ma un giorno, vista la giovanissima età di Gabriel, il sogno di Moratti di vederlo all'Inter si potrà realizzare? "Non so, chissà. Adesso si pensa solo al Manchester City e al Brasile. E non possiamo che ringraziare, ma guardiamo ai nostri obiettivi", Simoes dribbla e sorride. Come Gabriel Jesus. Beato chi l'ha preso, ditelo a Guardiola...