Leo Messi-Inter, una pazza idea di mercato rilanciata ieri dalle parole di Marco Tronchetti Provera, numero uno di Pirelli: "Un sogno di mercato? Sempre Messi, è il mio sogno, anche se poi ognuno ha il suo. Guardo alla vita sempre con fiducia e spero che talvolta i sogni si avverino". Ragionando in maniera logica, un'operazione ai limiti dell'impossibile per i costi (clausola da 250 milioni di euro, ovviamente trattabile se fosse la Pulce a dire basta al Barcellona, e un ingaggio tra i 17 e i 18 milioni annui) e anche solo difficile da immaginare per il profondo legame che l'argentino e la sua famiglia hanno instaurato col suo club di appartenenza.

Ma che Messi sia stato, anche in passato, un sogno del club nerazzurro è assolutamente innegabile. La conferma giunge da Luis Suarez, elemento di spicco della Grande Inter di Helenio Herrera e successivamente apprezzato dirigente, tra i protagonisti dello sbarco in Serie A del Fenomeno Ronaldo nell'estate 1997. Queste le sue clamorose parole a Radio Kiss Kiss Napoli: "Si poteva tentare di prendere Messi quando al Barcellona aveva davanti Deco, Ronaldinho ed Eto’o (stagione 2005/2006, quella della Champions vinta da Rijkaard, ndr). Ho il suo pre-contratto". Poi un commento alle frasi di Tronchetti che sanno tanto di chiusura ad ogni ipotesi fantasiosa: "Il sogno di Tronchetti Proverà resterà tale, penso anzi che questa notizia sia data per dare spettacolo".