La notizia, nell'aria da qualche settimana, starebbe per diventare ufficiale: il comune di Genova avrebbe deciso di vendere lo stadio Luigi Ferraris per la cifra di 10 milioni di euro.

Secondo quanto riporta questa mattina l'edizione locale di Repubblica all'acquisto dell'impianto cittadino concorrerebbe però solamente la Sampdoria, da tempo interessata a diventare proprietaria esclusiva o in compartecipazione con il Genoa della struttura di Marassi.

Se l'ipotesi prospettata dal quotidiano dovesse veramente realizzarsi, in pratica i blucerchiati diverrebbero gli unici padroni del Ferraris potendo disporre a proprio piacimento dello stadio. Dopo lunghe polemiche con i cugini rossoblu recentemente il presidente Ferrero aveva teso una mano all'altra sponda del Bisagno dicendosi disponibile ad una compartecipazione nell'acquisto della struttura. La risposta della controparte è stata però un silenzio assordante che vale più di mille parole.

Ecco perché la Sampdoria, stufa di aspettare un segnale di vita dal Genoa, starebbe seriamente pensando di fare tutto da sola. In tal caso al Grifone non resterebbero che due alternative: o un improbabile trasloco verso altri impianti, ovviamente fuori da Genova, oppure restare a Marassi pagando l'affitto ai cugini. In ogni caso un vero smacco per chi da sempre rivendica il fatto di essere stata la prima squadra ad aver giocato su questo campo.