L'assalto dell'Inter a Milan Skriniar ha messo in seria difficoltà la Sampdoria, che non avrebbe voluto cedere il suo pezzo pregiato. Anche perchè Marco Giampaolo lo aveva inserito nella lista degli insostituibili per la sua Samp del futuro. Il pressing nerazzurro però ha costretto i blucerchiati a fare una valutazione del centrale slovacco. Che è un classe 1995, autore di un campionato ad ottimo livello, con ancora tanto margine di miglioramento e titolare della sua nazionale: ecco perchè i blucerchiati hanno chiesto 35 milioni di euro.

Una richiesta che non ha spaventato l'Inter, che ha messo sul piatto come potenziale contropartita il cartellino di Caprari, giocatore cha da Milano valutano circa 12 milioni. La Samp però vuole 23 milioni cash in aggiunta all'esterno ex Pescara, ad un prezzo inferiore da Corte Lambruschini non daranno il via libera alla cessione di Skriniar. A questo punto, ricorda l'edizione genovese de La Repubblica, si può discutere sulla quotazione di Caprari (e quindi di Skriniar) ma è evidente come la Sampdoria non valuti il suo gioiello 10-15 milioni, come si leggeva da più parti.

Tra i nomi in ballo nell'operazione Skriniar c'era anche quello di Andrea Ranocchia, giocatore che però non sembra essere nel mirino della Sampdoria, che ha già avuto modo di valutarlo da vicino nella stagione 2015-2016.